Venerdì, 24 gennaio 2020 - ore 11.20

I ricordo del partigiano Naples Ferraresi e la Primula rossa di Giuseppe Azzoni (Anpi Cremona)

Signor direttore, ho letto con molto interesse la storia del partigiano Ferraresi Naples pubblicata (…) in occasione della sua dolorosa scomparsa.

| Scritto da Redazione
I ricordo del partigiano Naples Ferraresi  e la Primula rossa di Giuseppe Azzoni (Anpi Cremona)

I ricordo del partigiano Naples Ferraresi  e la Primula rossa di Giuseppe Azzoni (Anpi Cremona)

Signor direttore, ho letto con molto interesse la storia del partigiano Ferraresi Naples  pubblicata (…) in occasione della sua dolorosa scomparsa.

-------------------------

Ho voluto peraltro vedere se nel nostro archivio Anpi (ora depositato in Archivio di Stato) fosse presente qualche ulteriore informazione.

Ho subito trovato la scheda che lo riguarda, compilata il 14 gennaio 1946 e firmata dallo stesso ‘Ferraresi Naples Pietro’. Mi sembra giusto darne conto come arricchimento di quanto già pubblicato. Nato a Calvatone nel 1923 Naples Ferraresi risiedeva allora a Cremona in via Massarotti 5, aveva frequentato la III Superiore e conosceva specificamente ragioneria e lingue.

Aveva fatto il servizio militare nel Genio, con permanenza a Lione in Francia. La scheda riporta che egli fece parte dall’ottobre 1944 della Formazione partigiana Primula rossa operante a Cremona. Di essa si citano come referenti Caterina Sivelli, Ettore Pedrini e Giorgio Tempestini.

Con questo gruppo Ferraresi ha poi partecipato al movimento insurrezionale nei giorni della Liberazione in città. Nell’archivio è presente anche la scheda riguardante il fratello Linneo, di tre anni più giovane. Anch’egli nato a Calvatone, risiedeva col fratello ed era magazziniere con patente di conduttore caldaie. Anche Linneo faceva parte di Primula rossa e cita come referente anche Danilo Morandi.

Primula rossa era un gruppo composto in maggioranza da giovani e giovanissimi: nel 1945 i Ferraresi avevano uno 22 e l'altro 19 anni, Morandi era 18enne, Pedrini 17enne... Più anziana e punto di riferimento era Caterina Sivelli, insegnante di 45 anni, antifascista per due volte arrestata, in carcere già nel 1941. Primula rossa fu un piccolo gruppo spontaneo ed autonomo, non formalmente integrato nel Cln, anche se risulta che la Sivelli collaborò col Cln e con la IV Brigata Ghinaglia.

Questo gruppo fu attivo dall’estate 1944, compì azione di propaganda clandestina, imboscate ed importanti sabotaggi a presidi e materiali tedeschi. Alcuni di loro subirono arresti e percosse, Morandi fu in carcere a Brescia, Gioele Maffioli fu gravemente ferito e subì l'amputazione di un braccio. Di Primula rossa hanno scritto Armando Parlato ed Ennio Serventi.

Giuseppe Azzoni (Anpi Cremona)

1251 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online