Martedì, 26 marzo 2019 - ore 07.14

Il decalogo anti-spreco domenica 10 marzo al Mercato di Campagna Amica a Cremona

In piazza Stradivari, cibi e consigli con gli agricoltori della Coldiretti

| Scritto da Redazione
Il decalogo anti-spreco domenica 10 marzo al Mercato di Campagna Amica a Cremona

Una domenica di festa, nel segno del vero made in Italy, che va gustato e non sprecato. E’ quanto propongono gli agricoltori di Campagna Amica a tutti i cremonesi, dando appuntamento per domenica 10 marzo, dalle ore 8 alle 19, in piazza Stradivari a Cremona.

Ci sarà il mercato degli agricoltori, con i cibi – genuini, di stagione, dall’origine garantita – portati in piazza direttamente da chi li produce. Con le eccellenze made in Lombardia (dai formaggi al miele, dai prodotti da forno ai salumi, e poi vino, riso, l’ortofrutta di stagione, i prodotti a base di lumache, uova, pasta) e con alcuni sapori tipici di altre regioni d’Italia (ad esempio gli agrumi dalla Sicilia e i legumi e cereali dall’Umbria, proposti direttamente dai produttori).

Sarà una domenica nel segno del “decalogo anti-spreco”, distribuito ai cittadini, quale invito a riconoscere e condividere lo straordinario valore del cibo, combattendo gli sprechi alimentari.

“Fare la lista della spesa, leggere attentamente la scadenza sulle etichette, verificare quotidianamente il frigorifero dove i cibi vanno correttamente posizionati, effettuare acquisti ridotti e ripetuti nel tempo, privilegiare confezioni adeguate, scegliere frutta e verdura con il giusto grado di maturazione, preferire la spesa a km zero e di stagione che garantisce una maggiore freschezza e durata, riscoprire le ricette degli avanzi, dalle marmellate di frutta alle polpette fino al pane grattugiato, sono alcuni dei consigli che ci permettiamo di proporre ai cittadini” spiegano gli agricoltori di Campagna Amica Cremona.

Per evitare di buttare il cibo basterebbe seguire pochi semplici accorgimenti, come spiega il decalogo della Coldiretti, che sarà distribuito ai cittadini. Importante innanzitutto è programmare la propria spesa, magari facendo la tradizionale lista, ma anche prediligendo acquisti ridotti ma più frequenti. La classica maxispesa quindicinale o mensile negli ipermercati aumenta infatti – ricorda Coldiretti Cremona – il rischio di ritrovarsi nel frigo prodotti scaduti.

Chi si approvvigiona direttamente dagli agricoltori spreca meno perché – rimarca Coldiretti Cremona – i cibi in vendita sono più freschi e durano di più e perché non devono percorrere lunghe distanze con le emissioni in atmosfera dovute alla combustione di benzina e gasolio. Meglio, dunque, prediligere i prodotti di stagione, scegliendo la frutta e le verdure al giusto grado di maturazione, come può consigliare l’esperienza dell’agricoltore presso il mercato. Tutti i cibi vanno poi conservati adeguatamente, cercando di separare quelli che si intende consumare a breve da quelli che si prevede di conservare più a lungo.

Occorre poi controllare sempre l’etichetta – continua Coldiretti –, in particolare la scadenza, distinguendo tra “da consumarsi entro” e “da consumarsi preferibilmente entro il…”. Nel primo caso il prodotto va mangiato obbligatoriamente entro la data indicata, mentre il secondo riguarda il termine entro cui il prodotto mantiene le proprietà organolettiche e gustative, o nutrizionali specifiche in adeguate condizioni di conservazione.

Per evitare gli sprechi, anche al ristorante non ci si deve vergognare di chiedere la doggy bag, la scatola che permette di portare a casa gli avanzi dei pasti consumati.

Sulle tavole degli italiani sono poi tornati “i piatti del giorno dopo” come polpette, frittate, pizze farcite, ratatouille e macedonia. Ricette che – spiegano gli agricoltori di Campagna Amica Cremona – non sono solo un’ottima soluzione per non gettare nella spazzatura gli avanzi, ma aiutano anche a non far sparire tradizioni culinarie del passato secondo una usanza molto diffusa che ha dato origine a piatti diventati simbolo della cultura enogastronomica del territorio. I piatti antispreco sono tanti – rivela la Coldiretti –, basta solo un po’ di estro e si possono preparare delle ottime polpette recuperando della carne macinata avanzata semplicemente aggiungendo uova, pane duro e formaggio, oppure la frittata di pasta per riutilizzare gli spaghetti del giorno prima e ancora la pizza rustica per consumare le verdure avanzate avvolgendole in una croccante sfoglia. Se avanza del pane, invece, si può optare per la più classica panzanella aggiungendo semplici ingredienti, sempre presenti in ogni casa, come pomodoro olio e sale, per arrivare alla più tradizionale ribollita che utilizza cibi poveri come fagioli, cavoli, carote, zucchine, pomodori e bietole già cotte da unire al pane raffermo. Anche la frutta può essere facilmente recuperata se caramellata, cotta per diventare marmellata o più semplicemente macedonia.

L’appuntamento di domenica 10 marzo in piazza Stradivari sarà anche occasione per proseguire nella raccolta firme “EatOriginal – Scegli l’Origine”, un’Iniziativa dei Cittadini Europei, promossa da Coldiretti-Campagna Amica insieme ad altre nove organizzazioni, per estendere l’obbligo di indicare in etichetta l’origine di tutti gli alimenti trasformati e non trasformati in circolazione nell’Unione Europea.

IL DECALOGO ANTISPRECO DI CAMPAGNA AMICA

1) Fai la lista della spesa

2) Procedi con acquisti ridotti e ripetuti nel tempo

3) Preferisci le produzioni locali e compra nei mercati a km 0

4) Acquista seguendo la stagionalità dei prodotti

5) Prendi la frutta con il giusto grado di maturazione

6) Separa le diverse varietà di frutta e verdura

7) Non tenere insieme i cibi che consumi in tempi diversi

8) Controlla sempre l’etichetta

9) Chiedi la doggy bag al ristorante per consumare a casa gli avanzi

10) Cucina con gli avanzi le ricette antispreco

 

148 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online