Lunedì, 10 agosto 2020 - ore 17.16

IMMUNI. Perchè l'ho scaricata (anche se non funziona) |Elena Viscardi (Crema)

Metto subito le mani avanti: non voglio polemiche. Se arrivano, democraticamente come sempre, le cancello. Non vivo di likefobia, se è utile bene, se non è utile l'ho fatto per me. Ora che vi ho "avvisato" arriviamo al dunque.

| Scritto da Redazione
IMMUNI. Perchè l'ho scaricata (anche se non funziona) |Elena Viscardi (Crema)

IMMUNI. Perchè l'ho scaricata appena diventata disponibile (anche se non funziona) |Elena Viscardi (Crema)

Metto subito le mani avanti: non voglio polemiche. Se arrivano, democraticamente come sempre, le cancello. Non vivo di likefobia, se è utile bene, se non è utile l'ho fatto per me. Ora che vi ho "avvisato" arriviamo al dunque.

Voglio condividere con voi il ragionamento che ho fatto, al di la dei risultati, dei funzionamenti e del principio di partenza. Esattamente in questo senso inverso.

Avere oggi uno strumento che ti permette di avvisarti "se" qualcuno che hai contattato di recente sia poi risultato infetto, sarebbe fantastico.

Senza fare gli ipocriti, tutti, a febbraio e marzo abbiamo chiesto nomi e tamponi. Mi ricordo benissimo che nei momenti convulsi molti chiedevano di sapere anche quale marciapiede avesse solcato il Paziente1 e tutto il suo parentado fino al 6° di parentela.

L'ossessione del momento era "come faccio a sapere se sono venuto a contatto con un malato?".

Ecco, IMMUNI è la risposta alla vostra domanda di 3 mesi fa.

Ora, fare tanto gli schizzinosi, rammentandoci che esiste la privacy, beh, fa un po' ridere. Sopratutto se vengono a raccontarlo a me (DPO, ndr). Potrei raccontarvi che in internet non c'è niente di segreto, niente. Che ogni sistema è violabile, alcuni con una facilità estrema. App per camminare, per bere, per incontri, per chattare, per comprare, per il meteo, per le vacanze, un gioco. Siete tracciati sempre e ovunque. Non volete esserlo? Buttate lo smartphone nel fosso dietro casa, forse così avete una speranza. Perchè poi basta andare nel negozio XY, fare la tessera fedeltà e ricascate nella casistica di cui sopra. Siamo comunque il popolo delle mille leggine, e anche sul discorso privacy non potevamo essere da meno, quindi mille questioni, mille prove, mille test, per evitare ogni possibile furto di dato o di lesione dell'identità personale (ma vorrei ricordarvi che nelle app citate sopra rischiate molto ma molto moltissimo di più).

Funzionamenti. In premessa devo dirvi che viaggio con Samsung, da sempre, quindi installarlo è stato estremamente facile. Non mi tirate fuori la questione Apple, lo so, l'ho fatto testare alle mie amiche e non va. Discutibile? Sicuramente. Di facile risoluzione? No, per niente. Non mi addentro in questa questione, non è il mio campo e ho litigato due giorni per fare un passaggio iphone-samsung, quindi, si qui c'è un problema. Potevano pensarci prima? Sni. È da ormai 4-5 anni che Android si trova stabilmente sopra l’80% di market share, quindi nettamente il sitema operativo più utilizzato al mondo. La fretta di farla uscire, in una nazione tecnologicamente indietro di almeno 10 anni, ha fatto il resto. Inutile che ci vantiamo tanto: gli stati tecnologici sono altri. Da questo punto di vista la nostra arrettratezza mentale e impiantistica è imbarazzante. Dieci anni non si recuperano in 3 mesi, per recuperare questo gap, ammesso e non concesso di volerlo fare, ci vorranno altri 10 anni.

Qualcuno mi ha già sentito dirlo ma "Qui devi correre più che puoi per restare nello stesso posto. Se vuoi andare da qualche parte devi correre almeno il doppio.” E' di Lewis Carroll, Alice nel Paese delle Meraviglie, ma rende bene l'idea di come siamo messi.

Arriviamo al principio di partenza.

Abbiamo detto e ridetto e stradetto in questi mesi che molto del successo della sconfitta di questo maledetto CV passava da noi.

Ci hanno chiesto di stare a casa, di pulire, disinfettare, di mettere mascherini e guanti, ci hanno detto di non incontrarci, di non abbracciarci, di stare "blindati" per un po'.

Ci hanno detto che dovevano capire che era asintomatico, ma poi, sappiamo come è andata. C'è chi l'ha fatto e chi no. Noi chiaramente siamo nel no, perchè la regione lombardia, non ha voluto (mi spiace, con tutti i casi che conosco, al potuto non credo più nemmeno se me lo spiegano in coro cantando).

La regione lombardia ha chiesto a noi di rispondere al questionario all'interno della sua app "allertaLOM, implementata apposta per il CV.

Ho fatto tutto quello che mi hanno chiesto, mi dovesse chiamare per il sierologico, correrei, ma non sono così fortunata.

Quindi ho fatto anche IMMUNI.

Perchè?

Perchè in un sistema ognuno deve fare la propria parte, non solo per salavare se stesso, ma anche per gli altri a cui vuole bene e per cui in questi mesi di follia ha avuto paura. Davvero paura.

Ecco, io ho fatto la miam anche se non è perfetto, se è arrivato in ritardo, se è sperimentale, se se se...me l'hanno chiesto, per senso civico, e l'ho fatto, senza tanti se.

104 giorni

4 giugno 2020

  1. Se siete arrivati in fondo, ricordatevi la premessa, senza offendervi che veramente non ce n'è bisogno.
1310 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online