Mercoledì, 27 ottobre 2021 - ore 00.08

IN LIBRERIA PAOLO PERA PIETÀ PER L’ESISTENTE

SATIRE E POESIE CENSURABILI IN LIBRERIA E NEGLI STORE ONLINE

| Scritto da Redazione
IN LIBRERIA PAOLO PERA PIETÀ PER L’ESISTENTE

IN LIBRERIA PAOLO PERA PIETÀ PER L’ESISTENTE

SATIRE E POESIE CENSURABILI IN LIBRERIA E NEGLI STORE ONLINE

 È disponibile in libreria e negli store online Pietà per l’esistente. Satire e poesie censurabili (Ensemble Edizioni) di Paolo Pera, una variegata raccolta di testi critici (sferzanti, seppur ironicamente) verso la contemporaneitàÌ€ politica, religiosa, estetica e umana.

 L’io poetante eÌ€ qui l’osservatore di un Occidente che ha smarrito gli argini logici, come pure il senso del bello. Tra invettive e pasquinate, il poeta si scopre siÌ€ capace di un’innata avversione per l’altrui «bruttezza desiderata» ma anche compassionevole nei confronti del dolore che instaura questa bruttezza, ossia quel perdimento che fa decadere l’uomo nella caotica boria relativista.

 A proposito del libro, il giovane autore piemontese racconta: «La raccolta nacque come un unico grande libro - insieme a quella che ora sarà la seconda anta di un dittico, Pena di me stesso - queste due parti: la pietà per il mondo e quella per sé, in un certo qual modo volevano essere il mio omaggio al Pound giovanile (poeta da me sempre amato, e del quale conobbi pure la figlia Mary), quello del Mauberley, dove una voce poetante demolisce la propria contemporaneità - già in odore d’Usura - e nel mentre critica aspramente anche sé stessa in qualità di “poeta non indispensabile”; Pound infatti era tanto critico con sé da auto-sabotare il proprio lavoro, gettandolo magari nella laguna di Venezia, e io pure ma senza laguna (basta il cestino del desktop, ormai). - continua - «Questo grande libro - effettivamente abnorme, centosessanta pagine - è stato da me troncato a metà: oggi esordisce la “critica al mondo”, ossia la Pietà, che si trasforma però nella futura Pena attraverso la poesia conclusiva, Il compassionevole, nella quale la vena satirica si ritira a guardare le debolezze dell’io permettendogli così di comprendere che questo “gioco dell’attacco” (che sta nel libro) nasca comunque da un sentimento di commozione per lo svanire e il soffrire di tutte le cose».

 Pietà per l’esistente. Satire e poesie censurabili è una «critica sociale in versi» suddivisa in sette brevi sezioni. «Ad abitare anzitutto questo libro è il rapporto con la temporalità, ancor più che con la realtà: a mio parere la disgregazione non è negli uomini, essi sono vittime nel tempo che stiamo abitando! Se queste poesiole saranno eventualmente in grado dare una o più chiavi di letture per intendere la contemporaneità non potrò che esserne lieto»conclude il poeta.

 L’autore

Paolo Pera (Alba, 1996) vive a Canale e studia Filosofia all’UniversitàÌ€ di Torino. Ha pubblicato il romanzo La scuola attraverso i miei occhi (Vertigo, 2012) e la raccolta poetica La falce della decima musa (Achille e La Tartaruga ed., 2020). Nel 2021 pubblica Pierino Porcospino (Gian Giacomo Della Porta Editore), una rielaborazione del classico per l’infanzia di Heinrich Hoffmann. EÌ€ anche fumettista, pittore e scultore. Collabora con diverse riviste online in qualitàÌ€ di critico letterario.

foto Paolo-Pera-credito-fotografico-Monica-Bruno

 

 

126 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online