Sabato, 10 aprile 2021 - ore 17.08

Integrazione.Quale percorso?

| Scritto da Redazione
Integrazione.Quale percorso?

“PER DIRITTI E DOVERI NECESSARIE CONOSCENZA E INTEGRAZIONE”
 Un percorso di integrazione da condividere ed appoggiare. Sul tema della microarea che il comune di Follonica vuole destinare ai nomadi interviene la prof.ssa Renata Paolucci, presidente dell'Opera Nomadi di Padova Onlus e residente a Follonica].
“In merito a raccolte di firme anti-rom tra la popolazione,ricordo che a Verona i consiglieri comunali incapparono nel reato di istigazione all'odio razziale per aver promosso una raccolta firme analoga a quella proposta a Follonica. I Rom e i Sinti sono stati storicamente colpiti dall'odio razziale. Mi occupo di loro da 20 anni e lavorando attraverso progetti,condivisi dal Comune di Padova,di mediazione culturale finalizzati all'inserimento socio-culturale di queste popolazioni all'interno della società maggioritaria,mi sono sempre scontrata con pregiudizi e atteggiamenti razzisti. A dispetto di ciò i vari progetti,sul piano dell'inserimento dei bambini nelle scuole e di miglioramenti delle condizioni abitative dei Rom e Sinti ormai stanziali,hanno portato buoni frutti come la diminuzione dell'evasione scolastica o l'integrazione anche di quegli adulti che per cultura preferiscono non vivere negli appartamenti. In questo modo ,usciti dalla ghettizzazione,i Rom e i Sinti si sono inseriti nel mondo del lavoro,la pratica dell'accattonaggio è diminuita e i minori frequentano la scuola fino alle superiori. Sul progetto follonichese Paolucci evidenzia:”non si parla di campo nomadi che in genere ospita centinaia di persone,ma di microarea per pochi,attrezzata con servizi igienici indispensabili per l'inserimento dei bambini nelle scuole e degli adulti nel mondo del lavoro,perciò la polemica di questi giorni è la solita assurda iniziativa strumentalizzata dalla politica.
Non si possono escludere poche persone stanziali dal contesto cittadino,lasciandole nel degrado. Il Comune di Follonica cerca di integrarle,garantendo ai minori e agli adulti di vivere in condizioni decorose ,il diritto all'istruzione,al lavoro e alla salute. Messaggi istituzionali forti possono permettere una conoscenza più approfondita di queste popolazioni per agevolarle nel processo di assunzione dei diritti e dei doveri di cittadinanza attiva,uscendo dalla logica assistenziale negativa in cui troppo spesso si adagiano”.
OPERA NAZIONALE NOMADI ON LUS DI PADOVA
Continua lettura articlo d’interesse …
http://www.comune.grosseto.it/phpbb/viewtopic.php?p=29034#29034

764 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria