Venerdì, 28 gennaio 2022 - ore 03.05

La storia del Comune di Piadena in breve

Questo popoloso centro è posto nella pianura a nord di Casalmaggiore, sulla sponda destra dell’Oglio, a lato della statale n. 10 che da Cremona conduce a Mantova. Fu abitato già in età preistorica, come testimoniano ritrovamenti archeologici nella zona; nel neolitico le popolazioni primitive vivevano quasi sicuramente in capanne poste su alture e in villaggi lacustri nell’età del bronzo.

| Scritto da Redazione
La storia del Comune di Piadena in breve La storia del Comune di Piadena in breve La storia del Comune di Piadena in breve La storia del Comune di Piadena in breve

L’etimologia di Piadena non è certa: secondo un’ipotesi piuttosto antica, il nome sarebbe dovuto all’esarca di Ravenna Giovanni Platina che nel 686 fondò qui il “castrum Platinae”. Secondo altri storici la nascita del centro deriverebbe invece da un insediamento etrusco. La denominazione di Vho sembra trarre origine dal termine latino “vadum”, cioè guado, poiché in quel punto era possibile attraversare l’Oglio. Abitato dai Romani, fu anche teatro degli scontri avvenuti nella vicina Calvatone nel 69 d.C.

La località appare nominata in un atto del 990 con cui il vescovo cremonese dona il castello al Monastero di S. Lorenzo in Cremona. Nel 1019 venne ceduta dal marchese di Toscana Bonifacio di Canossa ai vescovi cremonesi. Sconvolta per due secoli (XIII e XIV) dalle lotte fra guelfi e ghibellini, fu incendiata nel 1306 dai guelfi bresciani e mantovani. Occupata da Ludovico Gonzaga, nel 1348 fu ceduta ai Visconti  che ne rafforzarono il sistema difensivo e che fecero erigere torrioni di guardia (le “torrazze di Salvaterra”) che ancora oggi spiccano sullo stemma civico. Nel XV sec. fu espugnata dai veneziani, ma ritornò ben presto al ducato di Milano. Fu feudo di parecchie famiglie, tra cui gli Oscasali di Cremona e gli Araldi. Nel XVII sec. venne saccheggiata durante la guerra che opponeva il conte di Modena agli spagnoli. Nel corso del XVIII e XIX Piadena condivise le sorti del resto del territorio lombardo dalla prima dominazione asburgica, all’avvento di Napoleone, alla costituzione del regno Lombardo-Veneto. Significativo fu il contributo dato dai piadenesi ai moti rivoluzionari del Risorgimento.

Lo stemma comunale è composto di alcuni emblemi significativi della storia locale. Le due torri in muratura congiunte da un ponte sul fiume alludono o alle fattezze della torre denominata di Salvaterra, che si doveva trovare sul canale Delmona sulla strada per San Giovanni in Croce, oppure alludono alle due distinte torri difensive del territorio, ossia la Torre di Salvaterra e la torre che doveva ergersi in prossimità del fiume Oglio. Sopra alla struttura murata compare il singolare stemma visconteo del serpente che inghiotte un uomo, simbolo delle vittoriose imprese belliche del nobile casato dei Visconti che furono signori anche di Piadena. Sotto lo stemma compare il nome del comune nell’antica forma di “Platina”.

welcome to Piadena

Abitanti 3.569

Superficie Kmq. 19,38

Distanza dal capoluogo 30 Km.

Frazioni S. Paolo Ripa Oglio, S. Lorenzo Guazzone, Vho

Prefisso telefonico 0375

Cap 26034

 

Fonte: comune di Piadena

 

 

3340 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online