Venerdì, 13 dicembre 2019 - ore 05.53

Lombardia Coldiretti Estate, arrivano gli ‘agri grest’ in fattoria: tra animali, orti, eco pittura e corsi in inglese

Dalla cura degli animali e dell’orto ai laboratori di riciclo, ma anche percorsi di orientamento nel bosco e lezioni di inglese sulla vita in campagna: con la fine della scuola arrivano gli “agri-grest”, i campi estivi in fattoria per bambini e ragazzi.

| Scritto da Redazione
Lombardia Coldiretti Estate, arrivano gli ‘agri grest’ in fattoria: tra animali, orti, eco pittura e corsi in inglese

Lombardia Coldiretti Estate, arrivano gli ‘agri grest’ in fattoria: tra animali, orti, eco pittura e corsi in inglese

Dalla cura degli animali e dell’orto ai laboratori di riciclo, ma anche percorsi di orientamento nel bosco e lezioni di inglese sulla vita in campagna: con la fine della scuola arrivano gli “agri-grest”, i campi estivi in fattoria per bambini e ragazzi. Un’opportunità per i più piccoli di stare a contatto con la natura – spiega la Coldiretti Lombardia – e un servizio importante per quei genitori lavoratori che non sanno a chi lasciare i propri figli.

Tra i pionieri degli agri-grest – spiega la Coldiretti regionale – c’è Marcella Canegallo, che, ormai da dieci anni, durante l’estate ospita nel suo agriturismo a Montalto Pavese (PV) ragazzi tra gli 8 e i 13 anni. “Accogliamo una sessantina di bambini, suddivisi in gruppi di otto a settimana – spiega – Arrivano da noi con la loro valigia e si fermano a dormire da soli per una settimana.

La mattina diamo da mangiare agli animali, raccogliamo la verdura e sistemiamo i fiori. Nel pomeriggio invece ci sono varie attività, dal laboratorio con l’argilla a quello di dipinti su stoffa fino all’orientamento nel bosco. La sera, poi, niente giochi elettronici ma caccia al tesoro e ruba bandiera”.

A Milano città – continua la Coldiretti regionale – stanno nascendo proposte innovative come quella di Cesare e Cristiana Fedeli della Cascina Battivacco: “Quest’anno lanciamo la novità del gemellaggio con una scuola di inglese, che permetterà ai bambini di imparare in lingua straniera i termini che si riferiscono agli animali e alla vita in campagna. Il campus estivo è aperto per 4 settimane, dal 18 giugno fino al 13 luglio, durante le quali ci saranno anche passeggiate alla scoperta delle risaie e del paesaggio e laboratori per realizzare quadri con gli elementi raccolti in natura”.  Poco lontano dal capoluogo lombardo, a Basiglio, Laura Forni di Vivai Natura propone invece laboratori sul cibo del territorio per insegnare ai bambini il percorso dal campo alla tavola e attività dedicate al riciclo, in particolare della carta.

In Brianza Cinzia Dolci dell’Asinoteca di Ornago (MB) accoglie i bambini da giugno a settembre impegnandoli nella cura degli animali e nei laboratori manuali: “Faremo solo una pausa a metà agosto – spiega – Ci sono ragazzi che verranno per una o più settimane, ma accettiamo anche chi viene per un giorno solo, cercando di assecondare le esigenze di ognuno”. Nella Bergamasca Paolo Rotoli di Clusone (BG) ha deciso di continuare le attività anche alla ripresa del nuovo anno scolastico: “Le nostre settimane verdi iniziano subito dopo la fine delle lezioni e proseguono fino a luglio – spiega il titolare di Cascina Lama –. In ogni turno ospitiamo circa una decina di bambini che partecipano alle attività della giornata, come la cura degli animali e la raccolta delle uova, oltre che a laboratori tematici dedicati al latte, ai piccoli frutti  ad altre filiere. A settembre, con la ripresa delle attività scolastiche, proporremo momenti di doposcuola”.  

In provincia di Cremona, la fattoria didattica Apiflor di Pescarolo ed Uniti (Cr) propone campi estivi da sei anni: “Ogni settimana è dedicata a un tema diverso – spiega Irene Pavesi – scelto tra i prodotti di stagione e le tradizioni contadine. Quest’anno inizieremo le attività il 2 luglio per proseguire fino al 3 agosto”. Nel Lecchese Giulia Codara della fattoria didattica 'Amici Cavalli' di Brivio (Lc) ha inaugurato l’agri-grest per andare incontro alle necessità dei bimbi del paese e, dalla prima edizione di cinque anni fa, il successo è stato crescente. Le attività sono concentrate nelle quattro settimane di luglio per i bimbi della scuola primaria, per i più grandi la prima di agosto. “Ogni giorno – spiega Giulia –, sono in programma attività diverse: si parte il lunedì con le attività agricole di base; il martedì i bimbi diventano esploratori, passeggiando lungo il fiume Adda. Il mercoledì e il giovedì sono dedicati alle attività manuali e al rapporto con gli animali, mentre il venerdì scegliamo insieme un’attività o una sfida da affrontare”.

781 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online