Venerdì, 03 dicembre 2021 - ore 15.02

L’ospedale dell’ Oglio-PO non va declassato. Parla Monica Vangi Cgil-FP

| Scritto da Redazione
L’ospedale dell’ Oglio-PO non va declassato. Parla Monica Vangi Cgil-FP

La situazione che si sta determinando all’Ospedale Oglio-Po di Casalmaggiore, a giudizio dei sindacati della funzione pubblica di Cgil-Cisl-Uil , è davvero preoccupante.
Le organizzazioni sindacali sostengono che l’Azienda Ospedaliera di Cremona, dalla quale dipende Casalmaggiore, sta lentamente  ma progressivamente declassando quella struttura ospedaliere mettendo in discussione il futuro stesso di questo importante presidio sanitario  di zona che ha fra l’altro un suo pronto soccorso.
Nell’intervista Monica Vangi, anche a nome delle altre sigle sindacali, illustra i motivi della contrarietà, le ragioni della proclamazione dello stato di agitazione del personale e le iniziative di sostegno che hanno convolto i sindaci della zona.
Intervista di Gian Carlo Storti
www.welfarecremona.it
Cremona 3 dicembre 2012

L’intervista telefonica
L’ospedale dell’ Oglio-PO non va declassato. Parla Monica VangiCgil-FP

1980 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

#Dopocoronavirus  Fase 2 e 1° maggio Interviste a Soncini (Uil Cr-Mn), Pedretti (Cgil Cr) e Perboni ( Cisl Asse del Po)

#Dopocoronavirus Fase 2 e 1° maggio Interviste a Soncini (Uil Cr-Mn), Pedretti (Cgil Cr) e Perboni ( Cisl Asse del Po)

Le telefonate con i tre Segretari Generali di Cgil-Cisl-Uil della provincia di Cremona intendono puntualizzare la posizione del sindacato in merito alla cosi detta Fase2, ripresa economica e sociale ‘dopo’ emergenza coronavirus e che significato assume la ‘Festa del 1° maggio 2020’ in questo triste frangente della storia mondiale che vede tutti gli stati ed i popoli combattere per sconfiggere il nemico invisibile denominato Codid-19.