Domenica, 23 gennaio 2022 - ore 03.33

Milano Pride 2015, ‘Sì, lo voglio’: dopo la parata ci sarà anche il flash mob

Il flash mob chiuderà la parata di domani

| Scritto da Redazione
Milano Pride 2015, ‘Sì, lo voglio’: dopo la parata ci sarà anche il flash mob


Domani, 27 giugno, a conclusione della parata del Milano Pride 2015, è stata ufficializzata l’azione flash mob che mira a lasciare un’immagine simbolica di questa edizione della manifestazione nata dalle comunità lgbt. Quest’anno è stata scelta, a simbolo del movimento di massa, l’affermazione «Sì». Cinquantamila «Sì» per portare alla luce la volontà positiva ed evolutiva di un matrimonio collettivo, dove tutti sposano tutti virtualmente in un amore incondizionato, che sta a rappresentare il riconoscimento dei diritti umani collettivi.

«Sì è la risposta dell’amore, l’amore dice sempre sì», afferma l’artista Angelo Cruciani, già ideatore del flash mob 2014 che aveva trasformato Corso Buenos Aires in un fiume d’amore: l’immagine aveva fatto il giro del mondo su portali e testate internazionali, dagli Stati Uniti alla Cina. «Sì» è affermazione che abbraccia trasversalmente molte interpretazioni, ma soprattutto una risposta positiva dinnanzi al futuro. Troppi «No» creano continuamente limiti, che, sovrapponendosi, diventano i muri che nascondono l’orizzonte, i sogni, la libertà. Un «Sì» alla condivisione, dunque, ma anche al dialogo, all’incontro: un Sì che cerca di fermare il giudizio come metro della distanza da tutto ciò che appare diverso. Un fiume di «Sì» determinato a rompere quel muro che limita i diritti umani di molte comunità.

Milano Pride, che abbraccia Associazioni di molti generi, non solo legate alla sessualità ma a ogni condizione particolare del cittadino, ribadisce il suo desiderio di dialogo con la città, di convivenza e reciproca tolleranza per nature e scelte e condizioni differenti. Cruciani da anni lavora sui simboli e questa volta sceglie di dare un messaggio diretto e deciso, specchio di una volontà che non si lascia intimorire: questo flash mob è stato studiato come un grande matrimonio dove ognuno sposa le cause dell’altro, poiché nel dialogo risiede il segreto per oltrepassare il pregiudizio.

3343 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria