Sabato, 14 dicembre 2019 - ore 05.35

News-MILANO. CHIMICA VERDE AL CENTRO DI UN INCONTRO EUSALP

CATTANEO: RIFLETTERE SUL RIUTILIZZO DELLE MATERIE

| Scritto da Redazione
News-MILANO. CHIMICA VERDE AL CENTRO DI UN INCONTRO EUSALP

News-MILANO. CHIMICA VERDE AL CENTRO DI UN INCONTRO EUSALP

CATTANEO: RIFLETTERE SUL RIUTILIZZO DELLE MATERIE

(Lnews - Milano, 04 nov) Proseguono le attivita' legate alla presidenza di Regione Lombardia della Macroregione Alpina EUSALP che comprende 7 stati (cinque europei e due extra europei e 48 regioni dell'arco alpino europeo.

Nell'ambito degli approfondimenti sulla green economy, tema centrale della presidenza italiana e lombarda, oggi a palazzo Pirelli si e' svolto l'incontro 'International Bioeconomy Dialogues Across the Alpine Space - Hig-Level conference on Bio-Based Paradign to sustainable Development'.

BIOCHIMICA TEMA CENTALE - "Il tema della chimica verde e della biochimica e' un tema certamente centrale - ha spiegato Cattaneo - perche' in questo settore si pone la necessita' di mettere a fuoco come la materia puo' essere riutilizzata; o meglio quante volte puo' essere utilizzata  e quando, invece, non puo' essere piu' usata e questo e' uno dei problemi  della cosiddetta bioeconomia circolare".

COME RIUTILIZZARE LA MATERIA - "Ha senso dare vita a prodotti vegetali per utilizzarli come combustibili?" si e' chiesto Cattaneo. "Forse utilizzarli direttamente come combustibili non ha senso; ma se la produzione di biomassa viene destinata prima ad usi di maggior valore e poi alla fine impiegata come combustibile: allora l'operazione ha piu' senso. Situazioni di questo genere - ha spiegato l'assessore – impattano sull'economia in maniera concreta, cosi' come agiscono sulla vita  di tutti i giorni. La bioeconomia e' importante collocarla all'interno di EUSALP perche' le aree della regione alpina sono quelle piu' direttamente interessate da questi fenomeni".

IL PROTOCOLLO SULLA CHIMICA VERDE - L'assessore ha voluto ricordare anche il protocollo che Regione Lombardia ha firmato, lo scorso settembre, su richiesta del Cluster Lombardo della Chimica Verde. "E' lo strumento - ha ricordato l'assessore lombardo - che ci si e' dati per governare insieme a tutti gli attori che animano la societa' lombarda: le categorie economiche, i sindacati le associazioni ambientaliste, un percorso di sviluppo che riguarda la sostenibilita' e in questo ambito il tema della chimica verde e' un capitolo forte".

I TEMI DELL'ACCORDO - Il protocollo e' incentrato sulla  transazione verso l'economia circolare quale modello di sviluppo per i sistemi produttivi e per la gestione dei flussi di materia; sul  contenimento del consumo di suolo e alla promozione della rigenerazione territoriale e urbana, anche attraverso lo sviluppo di bioraffinerie nelle aree dismesse; nonche' sul rafforzamento del livello competitivo del mondo produttivo e dei servizi e la promozione nelle aree rurali dell'occupazione, della crescita e per ultimo tratta dell' inclusione sociale e dello sviluppo locale, anche attraverso la bioeconomia e la silvicoltura sostenibile.

I DATI IN LOMBARDIA - Da un'elaborazione Innovhub - SSI e Camera di commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi su dati registro imprese 2019, 2018, 2014  emerge che sono  4 mila le imprese lombarde attive nei settori della bioeconomia, con 40 mila addetti. Pesa la Lombardia sulle 20 mila imprese in Italia con 133 mila addetti. In particolare, piu' di 3 mila imprese sono specializzate nel biomedicale su 18 mila in Italia. Forte la concentrazione nella ricerca di biotecnologia con 162 imprese su 768 nel Paese) e nella bioeconomia legata ai farmaceutici (248 imprese su 630). Raddoppiato il settore della ricerca in biotecnologie, in Italia da 346 a 768 imprese in cinque anni e da 830 a 2170 addetti, in Lombardia da 66 a 162 imprese e da 275 a 501 addetti.

L'incontro proseguira' anche domani, martedi' 5 novembre a partire dalle ore 10, con la seconda sessione dei lavori. (Lnews)

121 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online