Domenica, 16 dicembre 2018 - ore 20.17

Nuovi mini alloggi con servizi per gli anziani di Pandino

Sei monolocali arredati e dotati di ogni comfort in una palazzina completamente ristrutturata a pochi passi dal centro: un’opportunità per continuare a vivere a casa propria in un contesto e con servizi di qualità.

| Scritto da Redazione
Nuovi mini alloggi con servizi  per gli anziani di Pandino

Nuovi mini alloggi con servizi  per gli anziani di Pandino

Sei monolocali arredati e dotati di ogni comfort in una palazzina completamente ristrutturata a pochi passi dal centro: un’opportunità per continuare a vivere a casa propria in un contesto e con servizi di qualità.

Pandino, 4 dicembre 2018. Un nuovo, importante servizio a disposizione degli over 65 di Pandino. A realizzarlo, la Fondazione Ospedale dei Poveri di Pandino Onlus che per rispondere alle nuove e sempre più sentite esigenze della terza età (allungamento della vita, condizioni abitative disagevoli, necessità di maggior supporto nella gestione di vita quotidiana, solitudine, carenza della rete familiare…) ha ristrutturato e messo a disposizione degli anziani di Pandino 6 nuovi appartamenti, che vanno ad affiancarsi agli altri servizi offerti dalla Fondazione.

L’obiettivo di questo nuovo progetto – spiega il Presidente Massimo Papetti – è quello di dare all’anziano autosufficiente la possibilità di continuare a condurre un’esistenza serena e autonoma in un contesto confortevole e sicuro, mantenendo la sua privacy e la sua indipendenza, la libertà di movimento e di autogestione, ma prevenendo situazioni di isolamento e di emarginazione ed evitando forme premature di ricovero in RSA. In sintesi, migliorare la qualità di vita della persona, valorizzandone la presenza attiva nella comunità e rinviando nel tempo l’eventuale ricovero in casa di riposo”.

Il progetto rientra, inoltre, in un piano più ampio di ristrutturazione e riqualificazione delle proprietà della Fondazione finalizzata a dare una nuova destinazione a edifici già esistenti e implementare così l’offerta di servizi a disposizione degli anziani. “Da qui la ristrutturazione della palazzina di via Fabio Filzi, situata in una posizione strategica, a pochi passi dal Castello e dal centro del paese ma anche dalla nostra RSA, da cui dipenderanno tutti i servizi alla persona e assistenziali che verranno erogati agli ospiti dei nuovi alloggi”.

 Una soluzione a misura di anziano

La ristrutturazione della palazzina è stata pensata per facilitare la vita quotidiana delle persone che vi alloggeranno ed è stata quindi realizzata seguendo precise linee guida, quali ad esempio l’uso di colori per identificare i diversi ambienti, la scelta di elettrodomestici di semplice utilizzo, l’installazione di un ascensore.

I sei appartamenti dispongono tutti di una cucina attrezzata, una zona pranzo e una zona notte con un letto singolo, e un bagno, e verranno consegnati arredati con tutto l’indispensabile a livello di elettrodomestici e mobilio, così da creare fin da subito un ambiente confortevole e accogliente che potrà poi essere ulteriormente personalizzato dall’ospite.

Numerosi i servizi alla persona e residenziali inclusi nella retta giornaliera erogati dalla Fondazione: dalla consegna di un pasto al giorno, alla lavanderia per la biancheria piana; dal collegamento telefonico diretto con la RSA alla sorveglianza notturna; alle utenze, pulizie e manutenzione; fino alla possibilità di partecipare a tutte le attività ludico-ricreative organizzate in casa di riposo.

Oltre a questi servizi compresi nella retta, saranno inoltre disponibili servizi aggiuntivi quali ad esempio la lavanderia personale, l’assistenza al bagno e i servizi infermieristici.

 Il servizio è rivolto a persone che abbiano compiuto 65 anni, siano autosufficienti o parzialmente autosufficienti e residenti in Pandino da almeno 10 anni.

Per avere ulteriori informazioni rivolgersi presso la Fondazione Casa di Riposo Ospedale dei Poveri di Pandino Onlus - Via della Vignola n. 3 – Tel. 0373-970022 digitando il n° 3 “Servizi esterni” oppure attendere in linea la risposta di un operatore.

 

208 visite

Articoli correlati