Venerdì, 21 gennaio 2022 - ore 16.17

ONLITI: RECOVERY PLAN: RIPROPOSTE OPERE PRIVE DI DOMANDA CHE LE GIUSTIFICHI

VA RISOLTO IL NODO DELLA GESTIONE INEFFICIENTE DEL GRUPPO FS ELETTRIFICARE LA LECCO-COMO, PARMA BRESCIA, TRAPANI-SIRACUSA E LA LINEA JONICA

| Scritto da Redazione
ONLITI: RECOVERY PLAN: RIPROPOSTE OPERE PRIVE DI DOMANDA CHE LE GIUSTIFICHI

ONLITI: RECOVERY PLAN: RIPROPOSTE OPERE PRIVE DI DOMANDA CHE LE GIUSTIFICHI

VA RISOLTO IL NODO DELLA GESTIONE INEFFICIENTE DEL GRUPPO FS ELETTRIFICARE LA LECCO-COMO, PARMA BRESCIA, TRAPANI-SIRACUSA E LA LINEA JONICA

Non basta fare nuove opere ferroviarie per far funzionare i treni italiani: soprattutto se sono nuove linee ad alta velocità prive della domanda di traffico che le possa giustificare, e con costi spropositati come quelli italiani. Senza una analisi sulle opere che possono davvero servire per il rilancio delle ferrovie c’è il rischio che l’UE bocci molti progetti riemersi dai cassetti in cui giacevano da decenni. E’ vero che l’indicazione europea è di spendere per le ferrovie, ma non per forza su nuove linee ad alta velocità come la Roma-Pescara, la Taranto-Metaponto-Battipaglia o la Torino-Lione. Meglio sarebbe dotare le linee esistenti di sistemi moderni di circolazione dei treni, di potenziarne l’armamento, di completarne l'elettrificazione e di eliminare i passaggi a livello per aumentarne la velocità e la regolarità. Con l’acquisto di treni moderni, le linee secondarie del Nord e del Sud Italia (una rete da seimila km) potrebbero cambiare volto. Ecco perché sarebbe più utile pensare alla velocizzazione ed elettrificazione di tratte come la Jonica, la Brescia-Parma, la Lecco-Como o la Trapani-Siracusa (che oggi prevede 11 ore di viaggio e tre cambi). Questi investimenti potrebbero anche, finalmente, modificare gli obsoleti, deresponsabilizzanti e consociativi sistemi di gestione del gruppo FS, la cui priorità è solo la copertura degli enormi costi di gestione con sempre maggiori risorse pubbliche e il mantenimento del proprio monopolio.

Dario Balotta presidente ONLIT    (Osservatorio Nazionale Liberalizzazioni Trasporti e Infrastrutture)  

 

225 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online