Venerdì, 14 dicembre 2018 - ore 14.14

Firma la petizione: Didiapsi Cremona NO al trasferimento del CPS : firma anche tu qui (video)

La Presidente Didiapsi Maria Rita Balsamo invita a firmare per mantenere il servizio CSP dove è ora ( ex Inam V.le T.Trieste)

L’Associazione Didiapsi - Insieme per la salute mentale, nel ribadire la propria contrarietà, intende aggiornare la cittadinanza sugli sviluppi della vicenda legata all’ipotesi di trasferimento del Centro Psico Sociale di Cremona. Nei giorni scorsi la Direzione Generale dell’Azienda Ospedale di Cremona ha ufficialmente comunicato di essere nell’impossibilità di incontrare le Associazioni richiedenti per discutere del tema. Il motivo è l’assenza di risposte da parte di Regione Lombardia alla richiesta di un finanziamento di 300.000 € finalizzato alla ristrutturazione del locale di Via Belgiardino dove si intende trasferire il CPS.

Prima considerazione: la dott.ssa Mariani, a nome dell’Azienda Ospedale di Cremona, ha dato avvio a una procedura di richiesta di finanziamento per una collocazione in nuova sede del CPS, senza che del trasferimento fosse emersa la necessità. Ancora una volta si ribadisce che utenti, personale e Associazioni che operano sul tema della salute mentale non sono stati consultati, né a decisione assunta si è attivato un confronto per presentare le proprie divergenti posizioni. Appare a tutti l’idoneità dei locali attuali ad accogliere i servizi del CPS, senza impegnare una quantità di denaro pubblico per realizzare un luogo alternativo che allo stato attuale non c’é.

Seconda considerazione: se per la dott.ssa Mariani sono prevalenti in questa scelta ragioni economiche, non solo si ritiene doveroso esplicitarle, ma vogliamo ribadire che la questione del trasferimento del CPS riguarda la gestione di un servizio relativo alla salute, e in particolare della salute mentale che spesso riguarda fasce già fragili della cittadinanza; non crediamo che si intenda mettere in secondo piano la tutela dei diritti rispetto a opportunità di bilancio.

Terza considerazione: la tutela del diritto alla salute dei cittadini passa anche da un luogo di cura facilmente accessibile – il CPS è vicino a treni, bus, parcheggi – anche dagli utenti che prima si avvalevano degli ambulatori di Pizzighettone e Casalbuttano, ora chiusi; da un livello di cura che sia in linea con gli standard nazionali e che eroghi prestazioni di buon livello, come il CPS ha sempre fatto, grazie alla professionalità e capacità degli operatori, anche dopo importanti riduzioni di personale effettuate in nome di una costante esigenza di risparmiare denaro pubblico.

Di questo avremmo voluto discutere con l’Azienda Ospedale di Cremona. Non avendo avuto adeguato riscontro si è deciso di iniziare una raccolta di firme coinvolgendo i cittadini cremonesi in questa giusta battaglia contro una decisione verticistica che penalizza la popolazione più fragile. Le firme saranno affidate al Sindaco di Cremona in qualità di responsabile della salute pubblica chiedendo che tuteli i diritti delle persone con sofferenza mentale.

La Presidente Maria Rita Balsamo, a nome di tutti gli associati a Didiapsi 

Intervista Gian Carlo Storti,Welfarecremonanetwork, Cremona 3 luglio 2015 

Clicca qui Guarda il video Appello di Rita Balsamo per la firma 

Firme raccolte finora: 26

Firma ora la petizione!

Compila tutti i campi per firmare la petizione.
Il tuo indirizzo email non verrà mostrato
.
(max 300 caratteri)
Nome e Cognome CAP Data Commenti

Altre petizioni

L’appello ‘Mai più fascismi’

Una petizione unitaria sottoscritta da tutti i partiti della sinistra e del centrosinistra e da decine di associazioni popolari’. La raccolta delle firme continuerà nelle prossime settimane sia nelle sedi delle associazioni aderenti che nelle piazze di tutte le città.

FIRMA L'APELLO BASTA CON QUESTO GIOCO ALLA GUERRA

L'appello congiunto Anpi, Arci, Cgil, Cisl, Uil, Acli nazionali. Il testo firmato da Smuraglia, Chiavacci, Camusso, Furlan, Barbagallo, Rossini. "Cittadine e cittadini si mobilitino per diffondere il più possibile voci e iniziative di pace"

Il Torrione di Cremona va restaurato Firma qui la petizione al Sindaco

Chiediamo al comune di Cremona che si attivi per la valorizzazione e il restauro conservativo del Torrione di via Ghinaglia, attraverso l'apporto di energie pubbliche e private, enti ed associazioni. Inoltre chiediamo che sia valorizzato da un progetto di divulgazione culturale presso le scuole elementari cittadine.