Venerdì, 13 dicembre 2019 - ore 06.41

Piloni (Pd). Grave dietrofront sulle Liste attesa sanità | Cinghiali: regione in ritardo su zonizzazione

In queste due brevi note stampa Matteo Piloni affronta sia il del grave dietrofront della Regione Lombardia sulle liste d’attesa in sanità e sulla zonizzazione delle area per il contenimento dei cinghiali

| Scritto da Redazione
Piloni (Pd). Grave dietrofront sulle Liste attesa sanità | Cinghiali: regione in ritardo su zonizzazione

Piloni (Pd). Grave dietrofront sulle Liste attesa sanità | Cinghiali: regione in ritardo su zonizzazione

In queste due brevi note stampa Matteo Piloni affronta sia il del grave dietrofront della Regione Lombardia sulle liste d’attesa in sanità e sulla zonizzazione delle area per il contenimento dei cinghiali

LISTE D'ATTESA IN SANITÀ, LA REGIONE AFFOSSA L'AGENDA UNICA GRAVE DIETROFRONT :Prenotare le visite e gli esami sanitari sia nel pubblico che nel privato con una sola telefonata? La Regione fa marcia indietro. A dire di no è stata la maggioranza di centrodestra in commissione sanità del Pirellone che, discutendo mercoledì scorso il Piano regionale di sviluppo, ha cancellato un impegno che era scritto nero su bianco nella delibera delle “regole del sistema sanitario” approvata dalla giunta regionale a fine 2015. La cosiddetta “agenda unica”, ovvero il database unico delle disponibilità per esami e visite ambulatoriali di strutture pubbliche e private accreditate con il sistema sanitario regionale, strumento fondamentale per ridurre drasticamente i tempi di attesa e per semplificare la vita ai cittadini, è una promessa della giunta regionale disattesa da tempo. Nella delibera sopra citata si legge espressamente che l'agenda unica, quindi la messa a disposizione delle proprie disponibilità, doveva diventare dal 2017 requisito vincolante per le strutture private per mantenere il contratto con la Regione.

“Il dietrofront della giunta regionale – spiega il consigliere del PD Matteo Piloni– ci è stato confermato dalla relatrice del piano regionale di sviluppo in commissione sanità Simona Tironi, secondo la quale l'agenda unica non si farà mai perché costerebbe troppo. Sono passati solo sei mesi da quando l'assessore Gallera, in piena campagna elettorale, annunciava l'introduzione di un nuovo sistema informatico che avrebbe consentito l'integrazione delle agende di ospedali pubblici e privati. Il problema delle liste d'attesa è uno dei più gravi della sanità lombarda e dei più sentiti dai cittadini. Regioni più virtuose, come l'Emilia Romagna e il Lazio, hanno risolto il problema anche attraverso l'introduzione dell'agenda unica ma dobbiamo constatare che la Lombardia è all'anno zero. Era un punto qualificante del nostro programma elettorale e continueremo a insistere perché si faccia.”

-----------------------------

Cinghiali  PILONI (PD): “ITER PER LA ZONIZZAZIONE APPENA PARTITO. REGIONE IN RITARDO INGIUSTIFICATO"

 “L’assessore regionale all’Agricoltura Rolfi ci ha comunicato che Regione Lombardia ha avviato i percorsi preliminari per arrivare alla delibera con cui si procederà alla zonizzazione per il contenimento dei cinghiali”, lo annuncia Matteo Piloni, consigliere regionale del Pd e firmatario della interrogazione sul tema, trattata in VIII Commissione Agricoltura.

“Ci fa piacere sapere che l’iter sia in corso, anche perché dalla mappatura, ed entro il termine di 90 giorni,  si potrà poi evincere e capire come intervenire sui singoli territori – aggiunge Piloni –. Ma è anche vero che siamo in pauroso ritardo e senza un vero motivo, se non la pausa elettorale. In realtà, il predecessore di Rolfi aveva tutto il tempo di avviare la procedura per la zonizzazione senza per questo attendere il pronunciamento della Corte costituzionale su un ricorso che non riguarda questa parte della legge, ma solo i commi 1 e 3 dell’articolo 3. Su tutto il resto si poteva e doveva procedere considerata l’urgenza e l’emergenza del problema”.

Per il consigliere Pd, quindi, “bisogna procedere nel più breve tempo possibile perché il territorio attende da troppo risposte su un problema urgente, sia nei termini di sicurezza, che in quelli di tutela del mondo agricolo per i gravi danni subiti dalle colture, dai raccolti e dai fondi”.

Milano, 22 giugno 2018

349 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online