Lunedì, 05 dicembre 2022 - ore 19.10

POTERE D’ACQUISTO DELLE FAMIGLIE IN CALO SECONDO L’ISTAT

CODACONS: E’ SOLO L’INIZIO DELLA DISCESA PROBABILMENTE. PER INFORMAZIONI ASCOLTATE I NOSTRI AUDIO DEDICATI ALL’INFLAZIONE

| Scritto da Redazione
POTERE D’ACQUISTO DELLE FAMIGLIE IN CALO SECONDO L’ISTAT

Comincia a diminuire il potere d’acquisto delle famiglie. Il calo segnalato dall’Istat è lieve, meno 0,1% nel secondo trimestre dell’anno, ma si accompagna al calo della propensione al risparmio delle famiglie. Secondo i dati diffusi oggi dall’Istat, nel secondo trimestre 2022 il reddito disponibile delle famiglie consumatrici è aumentato dell’1,5% rispetto al trimestre precedente, mentre i consumi sono cresciuti del 4,1%. La propensione al risparmio delle famiglie è stata pari al 9,3%, in diminuzione del 2,3% rispetto al trimestre precedente. Il calo della propensione al risparmio, spiega l’Istat, deriva da una crescita della spesa per consumi finali marcatamente più sostenuta rispetto a quella registrata per il reddito disponibile lordo (+4,1% e +1,5%, rispettivamente). A fronte di un aumento dell’1,5% del deflatore implicito dei consumi finali delle famiglie, il potere d’acquisto delle famiglie è lievemente diminuito rispetto al trimestre precedente (-0,1%).

 

Codacons: “I numeri dell’Istat evidenziano come gli italiani abbiano ridotto la propensione al risparmio (-2,3%) per colmare la perdita di potere d’acquisto determinata dall’aumento dei prezzi al dettaglio. Dati che tuttavia sono destinati a scontrarsi con il nuovo quadro degli ultimi mesi del 2022, caratterizzato da una inflazione alle stelle e da fortissimi rialzi delle bollette di luce e gas. Questo significa che rispetto al secondo trimestre, consumi, potere d’acquisto e ricchezza delle famiglie crolleranno negli ultimi mesi del 2022, con effetti economici e sociali enormi. Una emergenza che il prossimo Governo dovrà affrontare abbandonando la fallimentare strada dei bonus a pioggia e ricorrendo a misure strutturali in grado di abbattere prezzi e tariffe in modo stabile e duraturo. Mettiamo per intanto a disposizione sul nostro profilo facebook una serie di video pensati per i consumatori e dedicati al fenomeno dell’inflazione. Per informazioni sul tema e segnalazioni contattare il Codacons all’indirizzo codacons.cremona@gmail.com o al recapito 347.9619322”. 

184 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria