Mercoledì, 22 gennaio 2020 - ore 08.36

Qual è lo stato di salute del PD ? Ne parliamo con M. Piloni (Pd Cremona)

Nella telefonata abbiamo chiesto a Matteo Piloni, segretario provinciale del Pd di Cremona, qual è lo stato di salute del Partito Democratico sia a livello nazionale che locale.

| Scritto da Redazione
Qual è lo stato di salute del PD ? Ne parliamo con M. Piloni (Pd Cremona)

Nella conversazione telefonica con Matteo Piloni, segretario provinciale del PD Cremonese, gli abbiamo chiesto qual è lo stato di salute del PD nazionale, preso da tre scadenze importanti quali legge elettorale, riforme costituzionali ed elezione del Presidente della Repubblica.

Nella sua articolata risposta  Piloni ammette il dissenso di un gruppo di parlamentari ma si augura, per il bene del paese, che nonostante  queste difficoltà i due processi storici di riforma ( legge elettorale e revisione della Costituzione) vadano in porto nei tempi previsti. ‘Certamente, prosegue Piloni, questa accordo Renzi-Berlusconi crea malumori nella base dei democratici che però , alla fine del percorso sapranno valutare il quadro positivo che né uscirà e che eviterà nel futuro questi spazi di ambiguità’.

Per la situazione locale, Piloni, ammette la perdita di 200 iscritti al Pd ( dovuto in massima parte all’approvazione del jobs Act) ma sul piano elettorale il PD ha avuto nel 2014 , dalle europee alle amministrative, risultati importanti che gli consentono di governare sia a livello nazionale che locale.

Intervista di Gian Carlo Storti, Welfarecremonanetwork, Cremona 22 gennaio 2014 

Allegati audio:

Audio 1:

1442 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

La telefonata con Laura Valenti (Flc-Cgil Cremona)  A che punto siamo  con il confronto con il Governo sulla Scuola?

La telefonata con Laura Valenti (Flc-Cgil Cremona) A che punto siamo con il confronto con il Governo sulla Scuola?

In questa breve telefonata Laura Valenti, segretaria generale FLC-Cgil Cremona) fa il punto della situazione del confronto con il governo a seguito della revoca dello sciopero del 17 maggio indicando i problemi aperti: No alla regionalizzazione del sistema istruzione, questione dei precari e ulteriori risorse economiche da garantire al personale di ogni ordine e grado