Domenica, 22 settembre 2019 - ore 03.35

SANTA BARBARA AISE IL LINGUAGGIO DI TRUMP: FRA PAROLE E VIOLENZA – DI DOMENICO MACERI

La retorica divisiva del presidente Donald Trump è "direttamente responsabile" per la sparatoria a El Paso, Texas.

| Scritto da Redazione
SANTA BARBARA  AISE IL LINGUAGGIO DI TRUMP: FRA PAROLE E VIOLENZA – DI DOMENICO MACERI

SANTA BARBARA  AISE IL LINGUAGGIO DI TRUMP: FRA PAROLE E VIOLENZA – DI DOMENICO MACERI

La retorica divisiva del presidente Donald Trump è "direttamente responsabile" per la sparatoria a El Paso, Texas.

Queste le parole di Alexandria Ocasio-Cortez, la parlamentare liberal di New York, mentre parlava a una veglia funebre tenutasi a Brooklyn per le vittime di El Paso e quelle di Dayton, Ohio. Corey Booker, senatore del New Jersey e candidato alla nomination democratica, ha fatto eco alle parole di Ocasio-Cortez, addossando anche lui la colpa a Trump poiché alimenta la paura e l'odio, invece di condannare la supremazia bianca. Julian Castro, però, ex sindaco di San Antonio e membro del cabinet dell'amministrazione di Barack Obama, ha detto che "l'unico direttamente responsabile" in questi sanguinosi episodi è l'individuo che ha sparato.

Castro ha letteralmente ragione, ma il linguaggio incendiario di Trump si collega indirettamente (ma probabilmente anche direttamente) alle recenti stragi. Le informazioni finora venute a galla spiegherebbero la motivazione dell'individuo responsabile per la morte di 22 persone, additando a una matrice suprematista. Poche ora prima della tragedia, il killer avrebbe postato un manifesto in cui riprende il linguaggio anti-immigranti di Trump. Il manifesto, postato nello stesso sito di ultra destra usato dal killer responsabile per la morte di 50 musulmani in Nuova Zelanda, reitera "l'invasione" degli immigrati. Ci dice anche che lui si sente attaccato da questi stranieri e quindi vuole "difendere il suo Paese". Accusa gli immigrati di volere rimpiazzare la razza bianca, idea anche caldeggiata dai suprematisti bianchi nelle vicende di Charlottesville del 2017 e parecchie altre stragi in cui giovani bianchi sono stati responsabili di sparatorie, causando la morte di decine di persone, in genere membri di gruppi minoritari.

Il manifesto non si collega direttamente a Trump ma l'affinità con il linguaggio incendiario e pericoloso usato dall'inquilino della Casa Bianca deve essere valutata. Trump ha fatto uso di attacchi agli immigrati dall'inizio della sua campagna, avendola iniziata accusando i messicani di essere stupratori. In uno dei suoi tanti comizi il candidato Trump ha incoraggiato i suoi sostenitori a "prendere a botte" alcuni manifestanti, offrendo di pagare loro le eventuali spese legali. Un linguaggio retorico continuato nella sua presidenza come ci dimostra il più recente discorso a Panama City, in Florida. Parlando della situazione al confine col Messico, Trump si è riferito ai migranti dicendo che "non li lasceremo entrare". Non si useranno armi da fuoco per fermarli anche se altri Paesi lo fanno, ha continuato il 45esimo presidente. "Come si fermano dunque?" ha domandato Trump al suo pubblico. La risposta immediata da alcuni sostenitori è stata di "spararli".

Sarà coincidenza ma è proprio quello che ha fatto il killer della strage di El Paso. La scelta della città al confine col Messico non è stata casuale poiché l'80 percento della popolazione è formata da latinos, la maggior parte di origine messicana. Inoltre 8 delle vittime della tragedia erano cittadini messicani che avevano attraversato la frontiera per fare shopping da Walmart.

Trump ha condannato, anche se debolmente, la strage di El Paso e anche quella di Dayton, Ohio, leggendo dal teleprompter che "la nostra nazione condanna il razzismo e la supremazia bianca". Al di là del suo sbaglio "geografico" (ha detto che la strage era avvenuta a Toledo anziché di Dayton), le parole del 45esimo presidente odoravano di falsità e incoerenza. Trump ha cercato di addossare la colpa delle stragi ai videogiochi e all'accesso di armi ai malati di mente. In ciò reitera il linguaggio della National Rifle Association (NRA) per cui le armi da fuoco non sono pericolose in sé ma i veri colpevoli sono coloro che premono il grilletto.

I videogiochi e i malati di mente esistono anche in molti altri Paesi, i quali non subiscono queste stragi che in America sono divenute routine. La spiegazione dunque risiede nella disponibilità di armi da fuoco. Quando il linguaggio politico che demonizza alcuni gruppi etnici o razziali si fonde con il facile accesso ai fucili di assalto, si ottiene un clima letale.

[leggi tutto]

 

204 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online