Domenica, 17 dicembre 2017 - ore 22.33

Servizi consolari per italiani in Repubblica ceca

| Scritto da Redazione
Servizi consolari per  italiani in Repubblica ceca

Servizi consolari per i cittadini italiani in Repubblica ceca
Tutti i cittadini italiani in Repubblica ceca sono tutelati e assistiti dallo stato italiano attraverso il Consolato, sono tutelati nei casi di emergenza (violazione dei propri diritti fondamentali, caso di decesso, incidente, malattia grave, arresto o detenzione) e assistiti in situazioni di difficoltà o in caso di rimpatrio.
Il consolato assiste i cittadini italiani anche in caso di bisogno di pratiche amministrative.
I cittadini italiani residenti all’estero per un periodo superiore a 12 mesi sono invitati a registrarsi all’A.I.R.E. – Anagrafe Italiani Residenti all’Estero.
L’A.I.R.E è stata istituita nel 1988 ed è parte integrante dell’anagrafe italiana.
Iscriversi all’A.I.R.E è un diritto-dovere di tutti i cittadini italiani residenti all’estero perchè attraverso questa istituzione lo Stato Italiano può garantire l’esercizio dei diritti politici, programmare gli interventi della Pubblica Amministrazione a favore delle comunità degli italiani all’estero ed erogare i servizi amministrativi e gli interventi di assistenza prvisti per i cittadini italiani residenti all’estero.
Devono iscriversi all’A.I.R.E i cittadini italiani che hanno trasferito la loro residenza all’estero; le persone nate nate all’estero che hanno acquisito la cittadinanza italiana per nascita; le persone che hanno acquisito la cittadinanza italiana all’estero.I cittadini italiani all’estero temporaneamente o stagionalmente non sono invece tenuti a iscriversi all’A.I.R.E.
Per iscriversi all’A.I.R.E. è sufficiente recarsi presso l’Ufficio Consolare, compilare e firmare il modulo di iscrizione che verrà inoltrato al comune italiano di riferimento. Ci si può iscrivere anche prima del trasferimento all’estero, direttamente all’A.I.R.E. del proprio Comune di residenza. In questo caso occorre presentarsi all’Ufficio Consolare all’estero entro 90 giorni, per confermare la propria presenza nella circoscrizione consolare.
Ulteriri informazioni sulla CARTA DEI CITTADINI ITALIANI ALL’ESTERO e sulle modalità di iscrizione all’ A.I.R.E. sono disponibili sul sito internet dell’Ambasciata Italiana a Praga all’indirizzo www.ambpraga.esteri.it o direttamente presso l’Ufficio Consolare in via Nerudova 20 a Praga1, nei seguenti orari: lun-mer- gio-ven 9.00-12.00

fonte: http://www.leconomia.com/repubblicaceca/index.php?option=com_content&view=article&id=27:servizi-consolari-per-i-cittadini-italiani-in-repubblica-ceca-&catid=1:ambasciata&Itemid=16

1674 visite

Articoli della stessa categoria

Varsavia: in 60 mila fascisti, antisemiti, razzisti e xenofobi da tutta Europa contro i 'negri' e gli ebrei

Varsavia: in 60 mila fascisti, antisemiti, razzisti e xenofobi da tutta Europa contro i 'negri' e gli ebrei

Purtroppo tanti, una vergogna che dovrebbe far riflettere molti, mentre i fascisti 'in camicia bianca' sia in Europa che in Italia fanno finta di nulla e lasciano fare, convinti di poterne ricavare qualcosa in termini di consenso elettorale: oltre 60 mila persone hanno partecipato a Varsavia a una marcia indetta dall'estrema destra in occasione del giorno dell'Indipendenza della Polonia.
Migliaia di spagnoli in piazza a Barcellona per manifestare a favore dei rifugiati

Migliaia di spagnoli in piazza a Barcellona per manifestare a favore dei rifugiati

Circa 16omila persone hanno manifestato per le strade di Barcellona il 18 febbraio per chiedere al governo di accogliere più rifugiati provenienti da paesi colpiti dalla guerra come la Siria. I manifestanti contestano al governo di non aver rispettato gli impegni presi nel 2015 di accogliere più di 17mila rifugiati in Spagna nell’arco di due anni. Ne sono stati accolti infatti solo circa 1100.
Post-Comunismo   La città di Trenčín (Slovacchia)  toglie la cittadinanza a Stalin.

Post-Comunismo La città di Trenčín (Slovacchia) toglie la cittadinanza a Stalin.

Anche Bratislava ci sta pensando. Il Generalissimo (dell’URSS) Josif Vissarionovič Stalin ha perso, dopo 69 anni, la sua cittadinanza onoraria della città di Trenčín, nell’ovest della Slovacchia. La decisione è arrivata alla fine del settembre scorso in una riunione del consiglio comunale su proposta del sindaco Richard Rybníček, con la maggioranza minima dei tre quinti dei consiglieri, come previsto in questi casi.