Domenica, 13 giugno 2021 - ore 12.19

Società Progetto Brebemi spa contesta post di Bonfante sul Socio Profacta Spa’

La Società di Progetto Brebemi spa, a firma dell’Avv. Antonio Comes, ci invia una lettera che contesta post di M.G.Bonfante in meritoposizione Profacta Spa’

| Scritto da Redazione
Società Progetto Brebemi spa contesta post di Bonfante sul Socio Profacta Spa’

La Società di Progetto Brebemi spa contesta il post della Bonfante sul Socio Profacta Spa’

La Società di Progetto Brebemi spa, a firma dell’Avv. Antonio Comes, ci invia una lettera- che pubblichiamo integralmente- contestando il post di M.G.Bonfante che chiedeva chiarimenti a Vezzini in merito alla posizione del socio  Socio Profacta Spa’

 red/welcr/gcst

 Il post di Bonfante che chiede a Vezzini (Stradivaria spa) chiarimenti su Socio Profacta Spa’

In merito al progetto autostrada CR-MN la consigliera del comune di Vescovato Maria Grazia Bonfante chiede se la società Stradivaria Spa si sia tutelata in merito alla posizione del Socio “Profacta Spa”

( https://www.welfarenetwork.it/bonfante-chiede-a-vezzini-stradivaria-spa-chiarimenti-su-socio-profacta-spa-20210504/  )

-----------------

La lettera della Società di Progetto Brebemi spa a firma dell’ Avv. Antonio Comes

 Spett.le

Welfare Cremona Network

(direttore@welfarenetwork .it)

 Prot. SDP-U-2105-025-AL-PMA

Brescia, 6 maggio 2021

 Egregio Direttore,

con riferimento alla lettera della Sig.ra Maria Grazia Bonfante, relativa al progetto di autostrada Cremona Mantova e pubblicata sul Vostro sito internet in data 4 maggio 2021 sul Vostro sito internet, sono a richiederLe cortesemente di voler provvedere alla pubblicazione della seguente dichiarazione.

Con la predetta missiva, la Sig.ra Bonfante, consigliere comunale del Comune di Vescovato, chiede al Presidente di Stradivaria S.p.A. Carlo Vezzini chiarimenti sul socio “Profacta Spa”, esponendo che lo stesso è di proprietà del Gruppo Faustini Spa e affermando, tra l’altro, che “Alessandro Faustini è uno dei due imprenditori che compaiono nelle intercettazioni dell’inchiesta “Cupola dei rifiuti” che coinvolge Franco Nicoli Cristiani, quest’ultimo arrestato accusato di corruzione nell’inchiesta dei lavori della nuova autostrada Milano Brescia (Brebemi). In quell’inchiesta veniva sequestrata anche la discarica di Cappella Cantone”.

A tal riguardo evidenziamo che non ci risulta che l’ex vicepresidente del Consiglio regionale della Lombardia Franco Nicoli Cristiani sia stato “accusato di corruzione nell’inchiesta dei lavori della nuova autostrada Milano Brescia (Brebemi)”, considerato che il procedimento penale che lo ha visto coinvolto riguarda una presunta tangente pagata dall’imprenditore Pierluca Locatelli per la costruzione della discarica di amianto di Cappella Cantone (Cremona), fatti del tutto estranei alle opere della Brebemi. 

Tale affermazione è pertanto non veritiera, fuorviante e gravemente lesiva dell’immagine della stessa Società.

Per altro verso, la Società di Progetto Brebemi S.p.A. ha subito le dannose conseguenze di distinte condotte (presunto traffico illecito di rifiuti) contestate in un altro procedimento al Sig. Pierluca Locatelli, amministratore di fatto della Ditta Locatelli Geom. Gabriele S.p.A., per una fornitura di materiale “non idoneo”, comunque riguardante appena lo 0,3% dei materiali complessivamente utilizzati per la realizzazione del rilevato autostradale.

A tal riguardo, il Tribunale del Riesame di Brescia ha accolto la richiesta di dissequestro e restituzione delle aree e dei tratti del Collegamento autostradale interessati dal conferimento di materiale fornito dalla ditta Locatelli – una delle oltre ottocento imprese intervenute nei lavori di realizzazione dell’autostrada A35 – poi interamente rimosso a spese di Brebemi.

Al termine delle attività di rimozione e smaltimento sono state inoltre effettuate analisi sul terreno e tanto il laboratorio incaricato, quanto l’ARPA, non hanno rilevato alcun anomalo incremento di sostanze inquinanti connesso alla vicenda appena descritta.

In ogni caso, sin dalle prime fasi del procedimento penale avviato nel 2011 nei confronti della ditta Locatelli, Brebemi S.p.A. è stata indicata come “persona offesa dal reato” e, pertanto, è del tutto estranea ai reati ipotizzati e anzi dagli stessi gravemente danneggiata.

Brebemi S.p.A. si è inoltre costituita parte civile nel procedimento penale, al fine di vedere soddisfatte le proprie pretese risarcitorie.

 Auspichiamo pertanto per il futuro che le informazioni e dichiarazioni rese relativamente alla concessione Brebemi, siano diffuse nel rispetto della verità sostanziale dei fatti, nonché dei doveri imposti dalla lealtà e della buona fede.

Distinti saluti.

Avv. Antonio Comes

6 maggio 2021

 

 

 

 

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

322 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online