Mercoledì, 15 luglio 2020 - ore 20.32

Trasformazione del contratto a tempo indeterminato

| Scritto da Redazione
Trasformazione del contratto a tempo indeterminato

Importante lavoro. I termini per la trasformazione del contratto a tempo indeterminato
apportate con la legge 183/2010 (il cosiddetto "_collegato lavoro_") al
regime dei contratti a termine, dei co.co.co. e dei contratti a progtto,
dei contratti di somministrazione, ecc., per far valere la nullità
dell'apposizione del termine e TRASFORMARE IL CONTRATTO DI LAVORO IN
CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO, è necessario proporre impugnazione entro
60 GIORNI dal recesso o dalla scadenza.
Inoltre, per tutti i contratti a termine, co.co.co., co.co.pro., di somministrazione, ecc., stipulati e
cessati prima della entrata in vigore della L.183/10, e cioè prima del 24
novembre 2010, l'impugnazione dovrà essere effettuata entro il 23 GENNAIO
2011 a pena di decadenza.

Gli operatori e gli avvocati dell'Associazione
Progetto Diritti, saranno a disposizione di tutti i lavoratori interessati
per ogni chiarimento ed assistenza, presso lo sportello di Via Ettore
Giovenale 79, Roma, dal lunedì al venerdi - h 15,30 - 19,30, tel 06298777,
segreteria@progettodiritti.it [1]. 

Il responsabile del settore lavoro di Progetto Diritti

Avv. Aldo Ritacco

 
Links:
------
[1]
mailto:segreteria@progettodiritti.it

3146 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022

In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022

L’Inps interviene sul “blocco” a tutto il 2022 della cosiddetta “speranza di vita” e spiega che l’età si vecchiaia si ferma a 67 anni. Mentre il pensionamento anticipato a favore dei “precoci” resta fissato a 41 anni di contribuzione, indipendentemente dall’età anagrafica. In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022 L’Inps interviene sul “blocco” a tutto il 2022 della cosiddetta “speranza di vita” e spiega che l’età si vecchiaia si ferma a 67 anni. Mentre il pensionamento anticipato a favore dei “precoci” resta fissato a 41 anni di contribuzione, indipendentemente dall’età anagrafica.