Sabato, 18 maggio 2024 - ore 03.08

VEGA MORTI SUL LAVORO IN OTTO MESI SONO 657 LE VITTIME.

UN TRAGICO BOLLETTINO CHE RACCONTA UN’EMERGENZA CHE NON HA MAI FINE, CON UNA TRISTE MEDIA DELLA MORTALITÀ PARI A 82 DECESSI AL MESE.

| Scritto da Redazione
VEGA MORTI SUL LAVORO IN OTTO MESI SONO 657 LE VITTIME. VEGA MORTI SUL LAVORO IN OTTO MESI SONO 657 LE VITTIME.

VEGA MORTI SUL LAVORO IN OTTO MESI SONO 657 LE VITTIME.

 UN TRAGICO BOLLETTINO CHE RACCONTA UN’EMERGENZA CHE NON HA MAI FINE, CON UNA TRISTE MEDIA DELLA MORTALITÀ PARI A 82 DECESSI AL MESE.

 SONO ANCORA IN CRESCITA, ANCHE SE MINIMA, GLI INFORTUNI MORTALI REGISTRATI IN OCCASIONE DI LAVORO (+ 0,8% RISPETTO ALLO STESSO PERIODO DEL 2022) PASSATI DA 496 A 500. DIMINUISCONO INVECE GLI INFORTUNI MORTALI IN ITINERE: SONO 157 NEL 2023 CONTRO I 181 DEL 2022.

 RIMANE ALTA L’ALLERTA PER I LAVORATORI GIOVANISSIMI E PER GLI STRANIERI: QUESTI ULTIMI REGISTRANO UN’INCIDENZA DI MORTALITÀ ELEVATISSIMA RISPETTO ALLA MEDIA.

 IN DIMINUZIONE DALL’INIZIO DELL’ANNO LE DENUNCE DI INFORTUNIO TOTALI: -21% RISPETTO AD AGOSTO 2022. UN DATO POSITIVO CHE DEVE ESSERE SEMPRE E COMUNQUE CONFRONTATO CON IL 2022, OVVERO QUANDO GLI “INFORTUNI PER COVID” ERANO ANCORA MOLTO NUMEROSI. DUNQUE, È LA CONCLUSIONE DELL’EMERGENZA SANITARIA LA VERA CAUSA DI QUESTO SIGNIFICATIVO DECREMENTO E NON UNA MAGGIOR SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO.

 È SEMPRE L’ATTIVITÀ MANIFATTURIERA IL SETTORE PIÙ COLPITO DAGLI INFORTUNI (47.997).

 SUL PODIO DELL’INSICUREZZA IN ZONA ROSSA CI SONO: UMBRIA, ABRUZZO, BASILICATA E PUGLIA. QUESTA È LA PRIMA ISTANTANEA DELLA MAPPATURA DELL’EMERGENZA DELL’OSSERVATORIO VEGA ENGINEERING CHE AIUTA A CAPIRE DOVE I LAVORATORI HANNO RISCHIATO MAGGIORMENTE LA PROPRIA VITA DA GENNAIO AD AGOSTO 2023.

 Leggi tutto clicca qui

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

475 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online