Martedì, 07 luglio 2020 - ore 18.34

“ La mela di AISM “ anche a Cremona

| Scritto da Redazione
“ La mela di AISM “ anche  a Cremona

La sezione Aism di Cremona, nell’ambito della manifestazione Nazionale “ La mela di AISM “,che si terrà  nei giorni 12 e 13 ottobre, offrirà dai propri banchetti raccolta fondi per l'assistenza ai portatori di Sclerosi Multipla ed il sostegno alla ricerca, mele, nei  seguenti punti della città e provincia.

Le postazioni in città, saranno dislocate nella galleria del Centro Commerciale Ipercremona2 a Gadesco Pieve Delmona, nei supermercati Simply ed Esselunga; in corso Campi, nell'atrio dell'Ospedale Maggiore , in prossimità del Duomo e delle chiese di  S.Michele, S.Ambrogio, Cristo Re,  S. Agata.

Saremo presenti poi sulle piazze di Soresina, Bonemerse, Stagno Lombardo, Pieve D'Olmi, Persichello, Marzalengo, Casalbuttano, Ostiano, Pizzighettone, S.Bassano, Soncino, Sesto Cremonese, Piadena, Agnadello, Vescovato, Castelverde, Bordolano, Offanengo e al centro Commerciale Bennet  di Castevetro Piacentino.

La sezione cremasca AISM “ I MAI VINTI”, posizionerà altri banchetti a: Capergnanica, Campagnola Cremasca, Casaletto Vaprio, Izano, Madignano, Montodine, Palazzo Pignano, Pianengo, Ripalta Cremasca, Rivolta D'Adda, Romanengo, Salvirola, Scannabue,  Sergnano, Vaiano Cremasco, Vailate, Piazza      Garibaldi.

Gli stessi, saranno presenti unicamente nella giornata di sabato 12, nei Market Ceresa di Vailate e Spino D'Adda. All'Ospedale Maggiore di Crema,  venerdì 11 e lunedì 14 ottobre.

2013-10-09

799 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Coronavirus Stati generali Ambiente e Salute  scrivono  al Prefetto di Cremona : ancora troppe aziende aperte

Coronavirus Stati generali Ambiente e Salute scrivono al Prefetto di Cremona : ancora troppe aziende aperte

Nei giorni scorsi abbiamo inviato al Prefetto di Cremona dott. Vito Danilo Gagliardi una lettera per sottolineare l'esigenza di applicare rigorose misure di contenimento del contagio da coronavirus anche alle industrie del nostro territorio provinciale rimaste tuttora aperte con migliaia di lavoratori esposti al rischio sia sui luoghi di lavoro sia negli inevitabili spostamenti.