Lunedì, 06 dicembre 2021 - ore 14.56

5 Stelle Europa: ‘Ignorato il Principio di Precauzione per interessi industriali’

Le dichiarazioni della pentastellata Eleonora Evi sul voto della Commissione Ambiente del Parlamento Europeo sui Nuovi Prodotti Alimentari

| Scritto da Redazione
5 Stelle Europa: ‘Ignorato il Principio di Precauzione per interessi industriali’

Si è concluso oggi, con il voto favorevole della Commissione Ambiente del parlamento Europeo, l’iter di riforma del Regolamento Novel Food che stabilisce le regole per immettere sul mercato nuovi prodotti destinati all’alimentazione. Dall’emanazione del primo Regolamento del 1997 a oggi sono state presentate 180 richieste, di cui 80 concluse positivamente. L’obbligo di autorizzazione preventiva alla commercializzazione riguarda sia i cibi tradizionali di Paesi terzi, quali ad esempio gli insetti, sia quelli tecnologici studiati per assolvere alcune funzioni quali ridurre l’esposizione dell’organismo a composti dannosi, come il colesterolo, o arricchiti di elementi nutritivi o curativi.

L’accordo, però, è stato assai difficile e, dopo la definitiva bocciatura della prima proposta di riforma presentata nel 2008 dalla Commissione, caduta per l’inclusione di animali clonati e prodotti alimentari derivati da cloni, anche questo testo è passato con una spaccatura dei gruppi.

«Questo testo, votato dalla maggioranza dei grandi gruppi politici, non contiene praticamente nessuna delle indicazioni votate a maggio dalla Commissione Ambiente improntate all’applicazione del principio di precauzione, all’inclusione di considerazioni etiche, alla tutela dell’ambiente e della salute umana e animale», spiega Eleonora Evi del Movimento 5 Stelle europeo, che, compatto, ha votato contro il testo finale. I pentastellati mettono in guardia sul rischio che gli interessi economici possano sovrastare le garanzie di tutela della salute pubblica, interessi cari soprattutto il Regno Unito, dove è stato presentato il maggior numero di richieste, seguito a distanza da Irlanda, Paesi Bassi, Belgio, Finlandia e Francia. Questo rischio di ingerenza è esacerbato dalla procedura di autorizzazione che conferisce alla Commissione pieni poteri decisionali senza che il Parlamento possa valutare le garanzie di sicurezza fornite, soprattutto per i cibi ingegnerizzati, il cui numero è in rapida crescita, a partire da quelli che contengono nanoparticelle, ovvero particelle della stessa scala di grandezza del nucleo cellulare.

«Dal momento che mancano gli strumenti adeguati per contare il numero delle nanoparticelle, la Commissione ha deciso di prendere la scorciatoia prevedendo l’obbligo di autorizzazione solo per i cibi che ne contengono oltre il 50% sul totale delle particelle disperse a fronte di una parere dell’EFSA che suggeriva un limite massimo del 10% in considerazione della mancanza di certezza sula loro innocuità. Questo è un classico caso in cui il principio di precauzione a tutela della salute viene ignorato per favorire interessi ed esigenze industriali», ha concluso Evi.

966 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria