Venerdì, 15 novembre 2019 - ore 00.51

Alberti (M5S): ‘Facciamo chiarezza sulle procedure della 2° fase del reddito di cittadinanza provincia di Brescia’

“E’ necessario fare chiarezza sui presunti ritardi legati alle procedure della seconda fase del Reddito di Cittadinanza nella provincia di Brescia”. A dirlo è il consigliere regionale Dino Alberti del M5S.

| Scritto da Redazione
Alberti (M5S): ‘Facciamo chiarezza sulle procedure della 2° fase del reddito di cittadinanza provincia di Brescia’

Alberti (M5S): ‘Facciamo chiarezza sulle procedure della 2° fase del reddito di cittadinanza provincia di Brescia’

“E’ necessario fare chiarezza sui presunti ritardi legati alle procedure della seconda fase del Reddito di Cittadinanza nella provincia di Brescia”. A dirlo è il consigliere regionale Dino Alberti del M5S.

“E’ doveroso però fare prima delle premesse per ricordare cosa sia e quale sia l’importanza del Reddito di Cittadinanza, uno dei pilastri del MoVimento 5 Stelle, voluto per contrastare emarginazione, disuguaglianze ed esclusione lavorativa. Questo strumento non è una forma di assistenzialismo ma un riattivatore sociale perché riguarda le politiche attive del lavoro. E il fatto che in quasi tutti i Paesi europei esistano già strumenti simili al Reddito di Cittadinanza rappresenta un’ulteriore conferma. Il provvedimento, inoltre, è stato voluto anche per frenare l’esodo continuo, dall’Italia all’estero, dei nostri giovani alla ricerca di lavoro”.

Continua Alberti: “Lunedì 2 settembre è iniziata ufficialmente la seconda fase del Reddito di Cittadinanza: alla figura degli operatori dei centri per l’impiego si è affiancata quella dei quasi 3000 navigator ai quali spetta il compito di aiutare i disoccupati a orientarsi nel mercato del lavoro e la responsabilità di rendere più rapido il processo di identificazione delle competenze dei candidati. Con gli operatori stanno iniziando a fissare i primi colloqui per capire capacità e competenze dei beneficiari del Reddito di Cittadinanza che avranno circa un mese di tempo per decidere se farsi seguire da un ente privato o un centro per l’impiego nell’accompagnamento alla ricerca attiva di un posto di lavoro”.

Precisa Alberti: “Arriviamo alla questione riguardante la provincia di Brescia. Avendo personalmente consultato Anpal Servizi, ho ricevuto conferma che i navigator hanno iniziato la loro formazione a partire da metà luglio a Roma, formazione che dovrebbe concludersi nelle prime settimane di settembre nei centri per l’impiego di tutta Italia. Da Anpal rassicurano che non sono stati segnalati particolari ritardi tali da mettere in allarme il Ministero del Lavoro ma è anche vero che in alcune Regioni qualcosa stia procedendo più lentamente e tra queste c’è proprio Regione Lombardia”.

“Anpal – prosegue il consigliere pentastellato - ha un programma con gli addetti delle diverse Regioni per organizzare e formare al meglio i navigator e il calendario per la Regione Lombardia prevede che lunedì 9 settembre inizi la formazione dei navigator presso i centri per l’impiego. E’ per questo che i ritardi accumulati nella nostra Regione rispetto ad altre più virtuose è nell’ordine del paio di settimane. Quindi nulla di catastrofico”.

Conclude Alberti: “Le strumentali reazioni politiche sulle presunte notizie di ritardo dell’avvio della seconda fase del Reddito di Cittadinanza non fanno altro che confermare la malafede di chi ancora non riesce ad accettare il risultato rivoluzionario già raggiunto e ancora potenzialmente raggiungibile con questo strumento. Che se ne facciano una ragione: il percorso è avviato e il Reddito di Cittadinanza è realtà”.

 

226 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online