Sabato, 15 dicembre 2018 - ore 18.09

Amnesty POLONIA: LA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA CHIEDE LA FINE DELLE PURGHE ALL’INTERNO DELLA CORTE SUPREMA

La Corte di giustizia dell’Unione europea ha sentenziato oggi che le autorità polacche dovranno interrompere la nomina dei nuovi giudici della Corte suprema durante il periodo in cui la Corte stessa valuterà se la nuova, contestata legge sulla Corte suprema sia in linea con le leggi dell’Unione europea.

| Scritto da Redazione
Amnesty POLONIA: LA CORTE DI GIUSTIZIA  EUROPEA CHIEDE LA FINE DELLE PURGHE ALL’INTERNO DELLA CORTE SUPREMA

Amnesty POLONIA: LA CORTE DI GIUSTIZIA  EUROPEA CHIEDE LA FINE DELLE PURGHE ALL’INTERNO DELLA CORTE SUPREMA

La Corte di giustizia dell’Unione europea ha sentenziato oggi che le autorità polacche dovranno interrompere la nomina dei nuovi giudici della Corte suprema durante il periodo in cui la Corte stessa valuterà se la nuova, contestata legge sulla Corte suprema sia in linea con le leggi dell’Unione europea.

Questo il commento di Covadonga de la Campa, direttrice ad interim dell’ufficio di Amnesty International presso le Istituzioni europee:

“La decisione odierna della Corte di giustizia dice chiaramente che è inaccettabile che la Polonia ignori i principi fondanti dell’Unione europea sfidando i procedimenti legali in corso innanzi al massimo organo di giustizia dell’Unione”.

“Evitando di rispettare completamente e immediatamente la decisione vincolante della Corte, le autorità polacche mostrerebbero ancora una volta il loro totale disprezzo per lo stato di diritto”.

“Le autorità polacche hanno frettolosamente nominato i nuovi giudici nonostante fosse in corso una procedura d’infrazione ai sensi dell’articolo 7 del Trattato dell’Unione europea. È allarmante, nonostante lo stato di diritto sia uno degli architravi dell’Unione europea, essere arrivati a questo punto”.

 

“Far fuori un terzo dei giudici della Corte suprema non è stato altro che una purga e un tentativo di stabilire il controllo politico sul potere giudiziario. La decisione di sospendere l’azione delle autorità polacche è un segnale positivo, di grande importanza non solo per la Polonia ma per l’intera Unione europea”.

Ulteriori informazioni

La legge sulla Corte suprema, entrata in vigore il 3 aprile 2018, abbassa l’età per il ritiro dei giudici della Corte suprema da 70 a 65 anni, ponendo in tal modo un terzo di giudici a rischio di ritiro forzato. Tra loro c’è anche il Primo presidente, il cui mandato secondo la Costituzione cesserebbe solo nel 2020.

Il 24 settembre la Commissione europea aveva portato il governo polacco di fronte alla Corte di giustizia europea in quanto la legge entrata in vigore in Polonia è incompatibile con le leggi europee poiché compromette il principio dell’indipendenza dei giudizi, compresa la loro inamovibilità.

La Commissione europea aveva inoltre chiesto alla Corte di giustizia di disporre misure provvisorie, ripristinando la situazione della Corte suprema polacca alla data del 3 aprile.

Nel dicembre 2017 la Commissione europea aveva avviato la procedura d’infrazione prevista dall’articolo 7 del Trattato dell’Unione europea, che potrebbe terminare con delle sanzioni tra le quali la perdita del diritto di voto nell’Unione europea.

Finora le autorità di Varsavia hanno mostrato scarsa volontà di fare un passo indietro sulla contestata riforma del potere giudiziario, nonostante i chiari inviti in questo senso da parte della Commissione europea, di leader europei, della Commissione di Venezia e di un’ampia serie di gruppi e organizzazioni nazionali e internazionali.

215 visite

Articoli correlati