Venerdì, 21 giugno 2024 - ore 02.56

Anche da Piacenza la voce di solidarietà per il popolo Saharawi

“La guerra è sempre espressione di disumanità – ha sottolineato la sindaca Tarasconi, ringraziandoli “

| Scritto da Redazione
Anche da Piacenza la voce di solidarietà per il popolo Saharawi Anche da Piacenza la voce di solidarietà per il popolo Saharawi

Anche da Piacenza la voce di solidarietà per il popolo Saharawi

 Sono stati ricevuti oggi in Municipio dalla sindaca Katia Tarasconi e dalla presidente del Consiglio comunale Paola Gazzolo gli attivisti svedesi Sanna Ghotbi e Benjamin Ladraa, in viaggio dal maggio 2022 in sella alle loro biciclette per dare voce al dramma del popolo Saharawi, con l’obiettivo di raggiungere il Sahara occidentale, “ultima colonia d’Africa”, nel 2025.

 Ad accoglierli in piazza Cavalli, insieme alle rappresentanti dell’Amministrazione, la rete delle associazioni Arci, Arcigay Lambda, Legambiente, Europe for Peace, Amnesty International, Velo Lento e FIAB Amolabici.

 I due giovani hanno raccontato la propria esperienza e le motivazioni che ne muovono l’impegno civile, ricordando come la comunità per la quale si stanno mobilitando, promuovendo iniziative di solidarietà, gemellaggi e sensibilizzando l’opinione pubblica, veda ancora 200 mila persone costrette a vivere nei campi profughi in Algeria e la restante parte della popolazione in aree dove gli osservatori internazionali – dai giornalisti ai parlamentari europei – non sono ammessi.

 “La guerra è sempre espressione di disumanità – ha sottolineato la sindaca Tarasconi, ringraziandoli “perché ci ricordano che ognuno di noi deve fare la sua parte e loro si sono assunti in pieno questa responsabilità, facendo appello alla consapevolezza e alla coscienza delle persone nel nome della libertà e della dignità dei popoli, della pace e del rispetto dei diritti”. Un ringraziamento condiviso ed esteso, dalla presidente Gazzolo, “a tutte le realtà locali che ci permettono di conoscere e dare risalto a tragedie umanitarie dimenticate, sulle quali è fondamentale mantenere alta l’attenzione”. Nel ribadire la massima disponibilità del Comune di Piacenza, entrambe hanno inoltre rimarcato come, nel corso delle rispettive esperienze politiche tra le file dell’Assemblea legislativa e della Giunta dell’Emilia Romagna, abbiano avuto modo di approfondire la questione del Sahara occidentale e i numerosi progetti di solidarietà e cooperazione internazionale di cui la Regione è promotrice e parte attiva a sostegno del popolo Saharawi.

In allegato, le foto di Carlo Pagani.

 

209 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online