Venerdì, 10 aprile 2020 - ore 21.26

Anci Lombardia incontra il Prefetto su emergenza profughi

| Scritto da Redazione
Anci Lombardia incontra il Prefetto su emergenza profughi

EMERGENZA PROFUGHI, ANCI LOMBARDIA IN PREFETTURA
Milano, 9 maggio 2011.
"Un incontro soddisfacente e chiarificatore, che poteva essere fatto molto prima, ma che è tanto più necessario dal momento che i recenti sbarchi comporteranno l'arrivo nei prossimi giorni in Lombardia di centinaia di profughi".
Così la delegazione di ANCI Lombardia, composta dal Vicepresidente Giorgio Oldrini e dal Sindaco di Lodi Lorenzo Guerini, commenta l'incontro del tavolo interistituzionale di regia svoltosi questa mattina in Prefettura di Milano, convocato dal Responsabile della Protezione Civile nazionale Franco Gabrielli con il Prefetto, ANCI, UPI e l'Assessore regionale Romano La Russa.
A differenza che in altre regioni, dove si era nominato per tempo un soggetto attuatore per l'esecuzione dell'ordinanza sull'accoglimento dei profughi del Nord Africa, in Lombardia la situazione venutasi a creare sarà temporaneamente risolta attraverso la presa in carico diretta da parte della Protezione Civile nazionale.
"Abbiamo finalmente ottenuto il tavolo di confronto che chiedevamo da tempo - commenta Oldrini - e la conferma che ci si atterrà agli accordi nazionali presi ad aprile. Abbiamo chiesto conferma che il costo degli accoglimenti sia a carico dello Stato, cosa che fino a oggi non è accaduta perché sono stati i Comuni e le associazioni di volontariato ad anticipare i fondi necessari alla sistemazione dei profughi".
"I Comuni - aggiunge Guerini - chiedono un'equa ripartizione dei profughi tra le regioni e, all'interno delle regioni, tra le province attraverso i lavori del tavolo di regia. Inoltre chiediamo che si segua il modello Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati), che prevede una distribuzione di piccoli gruppi di profughi su un territorio vasto, per facilitare l'accoglienza per periodi anche prolungati".
"Se ci si fosse mossi per tempo - conclude Guerini - probabilmente oggi non saremmo al punto di dover trovare luoghi di accoglienza provvisoria per i  profughi in arrivo. Occorre però guardare avanti con senso di responsabilità, per garantire ai profughi un accoglimento rispettoso della loro dignità, senza che si creino tensioni sul territorio".

Ufficio stampa - ANCI Lombardia
348.2393691

1851 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria