Lunedì, 06 dicembre 2021 - ore 15.17

Arvedi. I dati della diossina risultano a norma | M.Bosio Fiom Cremona

| Scritto da Redazione
Arvedi. I dati della diossina risultano a norma | M.Bosio  Fiom Cremona

Sull’allarme diossina nella acciaieria di Arvedi abbiamo conversato con Massimiliano Bosio Segretario Generale della Fiom di Cremona.
Secondo Bosio, “dalle  innumerevoli verifiche fatte  con l’ARPA e l’ASL , i dati di emissione della diossina sono nella norma di legge.
Infatti la normativa , per le acciaierie, prevede che l’impianto sia  a norma nel momento in cui le emissioni sono inferiori allo 0,50%. Da anni le emissioni in Arvedi  risultano pari allo 0,10 % e solo in una paio di occasioni sono state rilevate emissioni  pari allo 0,12% “.
Prosegue Bosio” le proteste dei cittadini sono nate  probabilmente in ragione dl fatto che la percentuale dello 0,10 % , limite consentito dalla legge, è riferito non tanto alle acciaierie ma agli inceneritori per i rifiuti solidi urbani. In  ogni caso gli impianti Arvedi sono pure all’interno di tale limite.
In questa situazione i lavoratori sono preoccupati in quanto  il Cav: Arvedi, di fronte a quelle che lui considera calunnie, ha minacciato la chiusura degli impianti”.

Infine Massimiliano Bosio “respinge l’accusa che il sindacato confederale sia subordinato ad Arvedi”. “ Noi –prosegue Bosio- siamo ai dati che ci forniscono le autorità preposte ( ARPA ed ASL) e non abbiamo elementi per dimostrare che i dati forniti non siano veritieri”.

Un conversazione molto lineare e chiara che tende a far rientrare le speculazioni politiche ed a ragionare sui fatti.

A cura di Gian Carlo Storti
www.welfarecremona.it
Cremona 9 giugno 2012

La conversazione
Arvedi. I dati della diossina risultano a norma | M.Bosio Fiom Cremona

2671 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

#Dopocoronavirus  Fase 2 e 1° maggio Interviste a Soncini (Uil Cr-Mn), Pedretti (Cgil Cr) e Perboni ( Cisl Asse del Po)

#Dopocoronavirus Fase 2 e 1° maggio Interviste a Soncini (Uil Cr-Mn), Pedretti (Cgil Cr) e Perboni ( Cisl Asse del Po)

Le telefonate con i tre Segretari Generali di Cgil-Cisl-Uil della provincia di Cremona intendono puntualizzare la posizione del sindacato in merito alla cosi detta Fase2, ripresa economica e sociale ‘dopo’ emergenza coronavirus e che significato assume la ‘Festa del 1° maggio 2020’ in questo triste frangente della storia mondiale che vede tutti gli stati ed i popoli combattere per sconfiggere il nemico invisibile denominato Codid-19.