Mercoledì, 08 dicembre 2021 - ore 10.42

ASST DI CREMONA GIORNATA MONDIALE DELL’ICTUS | 29 ottobre 2021

L’Ospedale di Cremona si conferma un polo efficiente nella cura tempestiva ed efficace dell’ictus.

| Scritto da Redazione
ASST DI CREMONA GIORNATA MONDIALE DELL’ICTUS | 29 ottobre 2021

ASST DI CREMONA GIORNATA MONDIALE DELL’ICTUS | 29 ottobre 2021 ‘IL TEMPO E’ CERVELLO’

L’Ospedale di Cremona si conferma un polo efficiente nella cura tempestiva ed efficace dell’ictus.

Il 29 ottobre ricorre la Giornata Mondiale dell’Ictus, un disturbo neurologico improvviso dovuto a chiusura (ischemia) o rottura (emorragia) di una arteria cerebrale.

«A Cremona nel 2021 l’ictus ha rappresentato più del 50% dei pazienti ricoverati in Neurologia. Grazie alle terapie di prevenzione e a quelle ricanalizzanti, però, l’incidenza e la mortalità di questa malattia nei paesi con i sistemi sanitari migliori, come l’Italia, si stanno progressivamente riducendo», spiega Bruno Censori (Direttore della Neurologia dell’Ospedale di Cremona).

«Se quest’anno l’attività in reparto è tornata simile a quello dell’epoca pre-COVID, le terapie ricanalizzanti sono invece aumentate nettamente rispetto al 2020 e anche al 2019. Frutto della più stretta collaborazione con il Pronto Soccorso e la Neuroradiologia e indice che tutta la complessa macchina dell’emergenza ictus funziona in modo sempre più fluido ed efficiente, soprattutto ora che non deve dedicare la maggior parte delle sue risorse alla pandemia», dichiara Censori.

«L’aumento di questi interventi ci incoraggia ancora di più a continuare con le terapie ricanalizzanti, con l’intento di eseguirle in tempi più brevi e cercando di intensificare il trattamento fisioterapico nei giorni immediatamente successivi all’ictus» continua Censori.

 « In quest’ottica di miglioramento, presso il reparto di Neurologia sono stati eseguiti alcuni lavori di miglioramento della Stroke Unit Subintensiva, per essere in grado di sorvegliare in maniera sempre più efficace i pazienti nelle prime ore dopo il ricovero » - conclude Censori

L’ictus colpisce tra 100.000 e 120.000 persone all’anno in Italia. Di queste, circa il 30% è deceduto a 1 anno dall’ictus e circa il 50% dei sopravvissuti presenta una limitazione della autonomia nelle attività della vita quotidiana.

Leggi tutto clicca qui

 

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

196 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online