Sabato, 02 marzo 2024 - ore 23.44

Attentato in Ucraina: Poroshenko: le milizie prorusse sono organizzazioni terroristiche

Chi abbatte un aereo passeggeri durante l'occupazione militare di una parte di uno Stato straniero è un terrorista

| Scritto da Redazione
Attentato in Ucraina: Poroshenko: le milizie prorusse sono organizzazioni terroristiche

Il Presidente ucraino accusa le milizie prorusse di avere colpito l'aereo della Malaysian Airlines, e di non permettere agli osservatori internazionali di recarsi sul luogo dell'abbattimento. Gran Bretagna, Olanda, Australia e USA accanto alla Polonia per sollevare in sede NATO la questione ucraina Le cose e le persone vanno chiamate con il loro nome: chi abbatte un aereo passeggeri durante l'occupazione militare di una parte di uno Stato straniero è un terrorista. Questo è il messaggio lanciato dal Presidente ucraino, Petro Poroshenko, che, sabato 19 Luglio, si è appellato alla Comunità Internazionale affinché le sia applicato lo status di associazione terroristica alla Repubblica Popolare di Donetsk e alla Repubblica Popolare di Luhansk: entità statali autoproclamate sotto l'occupazione militare delle milizie prorusse in Ucraina orientale. Come riportato dall'autorevole Ukrayinska Pravda, la richiesta di Poroshenko è motivata da due motivi: in primis, le milizie pro-russe hanno abbattuto il Boeing 777 della Malaysian Airlines su cui viaggiavano 298 civili di nazionalità malese, olandese, americana, britannica e neozelandese. In secondo luogo, i miliziani non hanno permesso né alle Autorità ucraine, né agli ispettori dell'OSCE di recarsi sul luogo dell'abbattimento per avviare le indagini e restituire i cadaveri alle famiglie. "Gli informatori europei sono impossibilitati a recarsi presso il luogo dell'abbattimento, e ci riferiscono di cadaveri trasportati da un posto all'altro brutalmente: questa situazione è inaccettabile -ha dichiarato Poroshenko- Questi comportamenti non possono restare impuniti: un processo a carico delle milizie prorusse deve essere effettuato al più presto". Concorde con Poroshenko si è detto il Presidente polacco, Bromislaw Komorowski, che ha assicurato l'impegno della Polonia a supportare la posizione di Kyiv preso la riunione dei Paesi del Gruppo di Vysehrad, la NATO e l'Unione Europea. Oltre alla Polonia, tradizionale alleato dell'Ucraina, Poroshenko ha incassato anche il sostegno di Gran Bretagna e Olanda, dopo che il Primo Ministro britannico, Dacid Cameron, e il Premier olandese, Mark Rutte, hanno ritenuto necessario assicurare i responsabili alla giustizia, come riportato dall'agenzia AFP. Concorde con Cameron e Rutte si è detto il Premier australiano, Toni Abbott, mentre il Presidente degli Stati Uniti D'America, Barack Obama, ha illustrato le evidenti responsabilità delle milizie prorusse e della Russia nell'abbattimento del Boeing 777 della Malaysian Airlines in Ucraina orientale. Duro con le milizie prorusse si è anche dichiarato anche il Ministro degli Esteri tedesco, Frank-Walter Steinmeier, che, in un'intervista all'autorevole Bild, ha criticato la Russia per permettere ai miliziani che occupano l'est dell'Ucraina e la Crimea di continuare ad approntare azioni militari tese a destabilizzare il Governo ucraino. Differente è l'ipotesi espressa dal Premier turco, Tajip Erdogan, che, come riportato dall'Hurriyet, si è detto convinto che l'aereo malaysiano sia stato abbattuto dai russi. La Russia si riarma ai confini con l'Ucraina. A dare ragione a Erdogan è un'inchiesta dell'autorevole Wall Street Journal, che, sulla base di documenti dell'intelligence degli Stati Uniti d'America e dell'Ucraina, ha provato il coinvolgimento della Russia nel supportare attivamente le milizie pro-russe con armamenti di ogni tipo. Oltre al sistema BUK, con cui i miliziani pro-russi hanno abbattuto il volo della Malaysia, i russi hanno fornito anche carri armati, batterie missilistiche terra-aria e uomini da infiltrare nelle regioni ucraine orientali. A sostegno dei timori del Wall Street Journal sono anche le segnalazioni della NATO e del Consiglio Nazionale per la Sicurezza e la Difesa ucraino, che, Domenica, 20 Luglio, hanno fissato il movimento di 30 carri armati dell'esercito russo nelle regioni occidentali della Russia, a ridosso del confine ucraino.

Matteo Cazzulani, Analista Politico dell'Europa Centro-Orientale, Twitter: @MatteoCazzulani

1176 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria