Lunedì, 06 luglio 2020 - ore 10.01

Aumenta il pm10 nell’aria

| Scritto da Redazione
Aumenta il pm10 nell’aria

Ruggeri-Manfredini (PD) Aumnenta il pm10 nell’aria e la discordanza con i dati dell’Arpa Lombardia.
Le consigliere comunali del PD Caterina Ruggeri e Alessia  Manfredini esprimono forte preoccupazione per i dati che indicano un allarmante superamento nei primi tre giorni dell’anno dei limiti di concentrazione PM1O nell’aria:
1/1/2011        96  microgrammi/metro cubo
2/1/2011        119
3/1/2011        83
Qualità dell’aria pessima. Bell’inizio d’anno!!!  Tra l’altro un inizio allineato paurosamente ai dati del dicembre 2010 con ben 14 giorni di superamento, novembre con 7, ottobre con 8, senza dimenticare i dati del gennaio 2010 con ben 17 gg di superamento. Il tutto nel silenzio totale dei responsabili locali.
Chiediamo inoltre al Comune di far chiarezza circa la discordanza delle informazioni. Infatti, nella classifica recentemente pubblicata, Cremona risulta N.P. (non pervenuta), mentre sappiamo che la centralina di Fatebenefratelli   funziona regolarmente e bene.
Invitiamo infine il Comune a prendere contatto con Arpa Lombardia, e aggiornare il sito Arpa Lombardia con i dati prodotti da tale centralina perché diversamente la  domanda che viene spontanea è: non è che si preferisce non adottare nessun provvedimento e tenere sottotraccia i dati, visto l’allarme e la preoccupazione che potrebbero creare tra i cittadini?
I dati dei primi tre giorni dell’anno parlano chiaro.
Caterina Ruggeri
Alessia Manfedini
Consigliere Comunli del P.D.

1645 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Coronavirus Stati generali Ambiente e Salute  scrivono  al Prefetto di Cremona : ancora troppe aziende aperte

Coronavirus Stati generali Ambiente e Salute scrivono al Prefetto di Cremona : ancora troppe aziende aperte

Nei giorni scorsi abbiamo inviato al Prefetto di Cremona dott. Vito Danilo Gagliardi una lettera per sottolineare l'esigenza di applicare rigorose misure di contenimento del contagio da coronavirus anche alle industrie del nostro territorio provinciale rimaste tuttora aperte con migliaia di lavoratori esposti al rischio sia sui luoghi di lavoro sia negli inevitabili spostamenti.