Venerdì, 26 febbraio 2021 - ore 04.55

Bergamo Lotta alla povertà, nel 2021 il cantiere per il co-housing sociale

Investimento di 1,6 milioni di euro, finanziato dall'Unione Europea: appartamenti per 14 famiglie

| Scritto da Redazione
Bergamo Lotta alla povertà, nel 2021 il cantiere per il co-housing sociale

 Bergamo Lotta alla povertà, nel 2021 il cantiere per il co-housing sociale

Investimento di 1,6 milioni di euro, finanziato dall'Unione Europea: appartamenti per 14 famiglie

Progetti che diventeranno realtà nel 2021, si va avanti. Il Comune di Bergamo ha approvato, come da consuetudine, molti interventi nella coda del 2020: tra questi, uno dei più onerosi è il nuovo piano di co-housing sociale che l’Amministrazione prevede di realizzare nell’ex padiglione 8 del complesso di via Borgo Palazzo. L’investimento è infatti di oltre 1,6 milioni di euro per adeguare la struttura alle future funzioni a cui sarà adibita: il finanziamento viene dai fondi europei del bando UIA, che il Comune ha saputo intercettare (con il progetto CAPACITYES, del valore di complessivi 6milioni di euro di cui 4,8 dalla UE) poco più di un anno fa.

Il progetto CAPACITYES è volto a contrastare la povertà urbana considerata sotto tre principali aspetti: deprivazione abitativa, povertà educativa infantile e segregazione spaziale, ed ha una durata triennale dal 1 settembre 2019 al 31 agosto 2022. Un tema quanto mai d’attualità, viste le conseguenze economiche e sociali che la crisi covid19 potrebbe avere sul territorio di Bergamo. Per quanto attiene gli interventi strutturali a cura del Comune di Bergamo, il progetto prevede la realizzazione e l’attivazione di due strutture a scala territoriale, la prima destinata al co-housing temporaneo per 12 famiglie con figli in situazione d'emergenza abitativa, da localizzarsi appunto presso il padiglione 8 dell’ex ospedale psichiatrico in via Borgo Palazzo, la seconda destinata ad un centro per l’infanzia che ospita laboratori e corsi a carattere culturale, artistico, sportivo con mostre e seminari aperti a tutta la città e localizzata presso un immobile di proprietà pubblica in via Serassi.

La struttura di via Borgo Palazzo ospiterà, per 14 mesi, 12 famiglie italiane e straniere, più 2 famiglie di “vicini solidali”. Avranno spazi riservati e altri in condivisione, il loro soggiorno sarà temporaneo e subordinato alla firma di un “capacityes agreement” con cui dichiareranno di contribuire alla gestione degli spazi (anche con il pagamento delle utenze, per esempio), di partecipare a corsi di formazione professionale, di rispettare le regole di convivenza condominiale e l’educazione civica.

Il progetto appena approvato individua in dettaglio definitivo gli specifici interventi per la ristrutturazione dell’edificio del Padiglione 8 ex Ospedale psichiatrico, in modo da consentirne il riuso per servizi residenziali, nel rispetto della tipologia architettonica dell’immobile e delle esigenze di tutela storica cui il complesso è sottoposto. Saranno previsti, quindi, 14 appartamenti in gestione associata e accompagnati da servizi comuni per il tempo libero, attività di socializzazione ed educative, servizi di lavanderia stireria e gioco.

Il Comune prevede i seguenti interventi:

- consolidamento strutturale e miglioramento del comportamento sismico del corpo edilizio;

- demolizioni e ricostruzione di parti strutturali relative alla suddivisione delle unità ambientali, alla individuazione degli spazi comuni, ai collegamenti verticali e orizzontali nonché alla piena accessibilità degli spazi;

 - realizzazione degli impianti generali comuni per la produzione e distribuzione dell’energia, di climatizzazione, dall’acqua sanitaria, di raccolta e smaltimento dei reflui, di telefonia e reti dati;

- inserimento degli impianti di utenza e servizio delle unità residenziali e degli spazi comuni;

- integrazione delle superfici disperdenti dell’edificio ai fini del contenimento dell’uso dell’energia e ai fini delle prestazioni acustiche delle partizioni;

- realizzazione delle opere di finitura delle unità ambientali e dell’edificio secondo adeguati standard prestazionali e di comfort;

- opere e impianti relativi alla connessione dell’edificio ai servizi di rete interne al complesso immobiliare gestito da ASST-Bergamo e alle reti pubbliche;

- sistemazione degli spazi esterni di pertinenza dell’edificio e quelle individuate ai fini del la migliore integrazione funzionale dei nuovi servizi residenziali.

“L’intervento sul complesso di via Borgo Palazzo – spiega l’Assessore ai Lavori Pubblici Marco Brembilla – rappresenta il primo passo di un progetto ambizioso come CAPACITYES e che si rivela quanto mai lungimirante per quel che riguarda il suo obiettivo principale, ovvero la lotta alla povertà e al disagio abitativo. Attraverso il progetto, miriamo a rigenerare importanti spazi dell’area urbana (oltre 2000 mq), rendendola un luogo migliore in cui vivere.”

“Questo è un progetto a cui l’Amministrazione crede molto perché risponde, in modo nuovo innovativo e non assistenziale, all’emergenza abitativa, un’esigenza sempre più incalzante nella nostra città, soprattutto in questa fase emergenziale da Covid-19 che vede molte famiglie in condizione di fragilità economica manifestare un problema di mantenimento della casa. – racconta l’Assessore alle Politiche sociali Marcella Messina – Le famiglie infatti sono individuate dalla Cooperativa Ruah in collaborazione con il mio Assessorato tra quelle che, tra le altre difficoltà, stanno vivendo questa specifica situazione. Il nostro lavoro è quello di sostenere e preparare i destinatari a vivere il co-housing, una formula inedita di condivisione, tra le più innovative previste nella nostra città, per la cui riuscita i servizi sociali stanno lavorando con grande impegno.”

264 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online