Domenica, 17 gennaio 2021 - ore 16.17

BERGAMO: 73ENNE UCCISO A MARTELLATE

DOPO UNA LITE CON LA CUGINA

| Scritto da Redazione
BERGAMO: 73ENNE UCCISO A MARTELLATE

A Pedrengo, nel corso della notte, i carabinieri della Compagnia di Bergamo, hanno arrestato una donna,E.M. 61enne del posto, impiegata, ritenuta responsabile della morte del cugino convivente, 73enne originario di Bergamo, avvenuta in seguito ad una violenta lite. 

Secondo le prime informazioni, intorno alle 23 e 30 di domenica 20 dicembre,                                                                                                                i carabinieri della Tenenza di Seriate sono intervenuti in un’abitazione nel centro di Pedrengo,Via Camozzi,al civico 12,- dove il personale emergenza 118 è stato chiamato per soccorrere un uomo colto da malore, ma è stato poi constatato che la morte fosse per una lite violenta.

Nel corso degli accertamenti immediati, i militari, coordinati dal sostituto procuratore della Repubblica di Bergamo, hanno ricostruito che l’uomo, professore in pensione, dopo aver discusso violentemente per motivi familiari con la cugina convivente, sarebbe stato colpito più volte dalla donna con un corpo contundente, nonchè un martello, morendo all’arrivo del 118 allertato dalla donna stessa. 

Al termine dei rilievi e accertamenti,si è constatato con certezza il decesso per lite violenta indagando così la donna che è stata arrestata per omicidio e condotta in carcere a Bergamo.

Sembra che la vittima avesse problemi legati al gioco e all’alcol.

Si era trasferito da almeno un anno dalla cugina, con la quale però non era in buoni rapporti. 

I litigi tra i due erano frequenti. La donna è accusata di omicidio preterintenzionale anche se chi indaga crede che non ci sia stata premeditazione,         ma che si sia trattato di un’azione d’impeto, scatenata dalla furia della lite.

#zonacheck

232 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria