Mercoledì, 17 luglio 2024 - ore 21.15

Brescia Capitale Verde 2025? No, Brescia Capitale del GreenWashing 2023

In conferenza stampa la sindaca ha affermato che il premio “non va alle città più verdi, ovvero con l’acqua migliore e l’aria migliore, altrimenti non saremmo nelle condizioni di concorrere”.

| Scritto da Redazione
Brescia Capitale Verde 2025? No, Brescia Capitale del GreenWashing 2023

Brescia Capitale Verde 2025? No, Brescia Capitale del GreenWashing 2023

«L’iniziativa della giunta cittadina ha tutta l’aria di una spettacolare e riuscitissima operazione di “greenwashing” o meglio di una strategia finalizzata ad accontentare e soprattutto sedare gli impulsi ambientalisti in seno alla nuova maggioranza e al tempo stesso pulirsi la coscienza, farsi vedere bella e abbindolare, come è sempre stato fatto, il cittadino fino alla prossima tornata elettorale ». Così il Coordinatore Provinciale del Movimento 5 Stelle Ferdinando Alberti l’indomani della conferenza stampa della candidatura di Brescia a “Capitale Verde Europea 2025”.

In conferenza stampa la sindaca ha affermato che il premio “non va alle città più verdi, ovvero con l’acqua migliore e l’aria migliore, altrimenti non saremmo nelle condizioni di concorrere”.

«Ha quindi ammesso che acqua e aria e di conseguenza la salute dei bresciani, fa schifo e questo  - commenta il Coordinatore - sarebbe già un importante passo avanti per una amministrazione abituata ad incensarsi e lodarsi soprattutto sul fronte della qualità ambientale, se non fosse che subito dopo ha aggiunto che il pessimo stato dell’ambiente, non sarebbe causa di chi ha governato la città negli ultimi decenni, e ci mancherebbe, ma delle “caratteristiche ambientali e orografiche del bacino padano che incidono sulla cattiva qualità dell’aria”. In sostanza, se volete aria pulita a Brescia o la si traslochi tutta fuori dalla pianura padana o cari bresciani traslocate voi!»

«Avremmo voluto sapere anche dalla Sindaca quali siano gli alibi sul pessimo stato di acqua e suolo, le altre due matrici ambientali, visto che si è limitata a citare la sola matrice aria. Come da copione, la colpa è sempre degli altri o di qualcos’altro. Se la città potesse parlare, copiando una famosa citazione, direbbe: “Non sono cattiva, è che mi disegnano così”.»

«Battute a parte, abbiamo capito che il premio dell’UE deve essere inteso esclusivamente come un premio alle intenzioni: non conta se il risultato finale verrà raggiunto o meno, conta il quanto tu ci creda nel raggiungere quell’obiettivo. Parole, parafrasate, della stessa Sindaca, ma la sostanza non cambia.»

«E allora, vi prego, diamo già il premio a questa Brescia anzi a questa amministrazione e risparmiateci le pantomime sulle finte operazioni green, sulle rigenerazioni urbane in stile “Freccia Rossa”, della finta riduzione dei rifiuti ma anche del più grande inceneritore di rifiuti d’europa che sta in piedi solo se continuiamo a produrre rifiuti, del finto consumo di suolo zero, dell’imbarazzante vicenda della bonifica del SIN Caffaro la quale, da sola, basterebbe a far chiudere il dossier sulla candidatura di Brescia per sempre.»

«Cara Sindaca, è lei per noi la vincitrice del premio “Brescia Capitale del GreenWashing 2023”.»

Brescia, 01/06/2023

651 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online