Venerdì, 20 maggio 2022 - ore 13.21

CAMUSSO: OGNI INCIDENTE SUL LAVORO DOVREBBE ESSERE UN LUTTO NAZIONALE MANIFESTAZIONI A MILANO

LA SICUREZZA DEVE VENIRE PRIMA DI TUTTO “Dieci anni fa la Thyssen a Torino, oggi la Lamina a Milano.

| Scritto da Redazione
CAMUSSO: OGNI INCIDENTE SUL LAVORO DOVREBBE ESSERE UN LUTTO NAZIONALE MANIFESTAZIONI A MILANO

CAMUSSO: OGNI INCIDENTE SUL LAVORO DOVREBBE ESSERE UN LUTTO NAZIONALE MANIFESTAZIONI A MILANO

LA SICUREZZA DEVE VENIRE PRIMA DI TUTTO  “Dieci anni fa la Thyssen a Torino, oggi la Lamina a Milano.

-----------------------

Due stragi che inorridiscono, perché ogni incidente sul lavoro dovrebbe determinare un lutto nazionale, mentre spesso diventa un fatto relegato tra le notizie di cronaca ordinaria”. Lo ha detto ieri mattina il segretario generale della Cgil Susanna Camusso, ai microfoni di RadioArticolo1, parlando del terribile incidente sul lavoro a Milano che ha ucciso tre operai, e ne ha ferito gravissimamente un altro.

“Quando succedono incidenti come questo e non se ne riescono a capire le cause - ha detto Camusso - si nota un accumulo di disattenzione generalizzata sul tema della sicurezza sul lavoro. L'orrore di queste tragedie è dato anche dalla sensazione che queste morti sono figlie della disattenzione, e del fatto che si considera sempre la sicurezza come uno dei tanti costi della produzione e non come la salvaguardia della vita delle persone, del loro diritto di uscire di casa la mattina sapendo che torneranno integri la sera”.

“Resta purtroppo un senso di frustrazione e di inutilità. Ma questa potrebbe e dovrebbe essere anche l'occasione per non lasciar perdere, ma per provare ad affrontare seriamente il tema della sicurezza - ha concluso il segretario generale della Cgil -. Dobbiamo affermare radicalmente che la sicurezza delle persone deve venire prima di tutto. Vogliamo stringerci ai famigliari delle vittime e manifestargli tutto il nostro affetto per un dolore profondissimo, ma vorremmo anche promettergli che i loro cari non saranno morti invano, ma che determineranno delle scelte differenti e soprattutto una diversa attenzione alla sicurezza sul lavoro.”

MORTI SUL LAVORO. DOMANI LA MANIFESTAZIONE UNITARIA A MILANO. BONINI (CGIL): NON C’E’ PIU’ TEMPO DA PERDERE

Non c’è più tempo da perdere, Milano non può permettere che tutto questo continui. E’ il commento di Massimo Bonini - segretario generale della Camera del Lavoro di Milano: “Siamo tutti scossi di fronte all’immane tragedia a cui abbiamo assistito alla fabbrica Lamina in zona Greco a Milano. Oggi non ci rimane molto da dire quando si perde le vita al lavoro e non si torna a casa la sera dalle proprie famiglie. Il nostro pensiero va a loro. Colpisce che nella Milano del lavoro, scintillante, innovativa, dinamica, digitale queste tragedie possano accadere. In questa orgia modernista e retorica molti credono che gli operai si siano estinti e poi nel mezzo di una tragedia si scopre che non è così. Rimane tutta l’amarezza di questa epoca in cui si sono spacciati i diritti dei lavoratori, compresi quelli sul lavoro sicuro, come una rottura di scatole ed un impedimento all’innovazione. Quando arrivano le tragedie ci si chiede come mai. Il sindacato è lì tutti giorni a far valere questi diritti, spesso in silenzio, inascoltato e visto come un fastidio quando ai tavoli di trattativa pone i problemi e vorrebbe risolverli proprio sui temi della sicurezza. Il sindacato non mollerà mai su questo.

I nostri funzionari continueranno incessantemente ogni giorno a porre al primo posto la sicurezza del lavoro quando entrano nelle aziende. Nonostante tutto e tutti, senza fermarsi di fronte alle reazioni infastidite. Dobbiamo pensare a come invertire questa rotta tragica, perché fra i tanti record che Milano batte non può certo vantarsi di avere il più alto numero di infortuni. Bisogna che anche le Associazioni Imprenditoriali e le Istituzioni prendano atto di questo e mettano in campo insieme a noi un piano straordinario di interventi e prevenzione. In queste ore abbiamo proposto al Sindaco di Milano - Giuseppe Sala - un tavolo tecnico, pragmatico che coinvolga tutti gli attori e che lavori in maniera seria. Il nostro cordoglio e la nostra vicinanza oggi va alle famiglie delle vittime, per questo come segno di rispetto, di partecipazione al dolore e di lutto - le nostre bandiere In Camera del Lavoro saranno esposte a mezz’asta. Non c’è più tempo da perdere, Milano non può permettere che tutto questo continui.”

Il concentramento per la manifestazione unitaria di domani sarà in Piazza San Babila alle 15,30. Da lì si partirà in corteo fino alla Prefettura.

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO. I DUE APPUNTAMENTI DI CGIL, CISL, UIL DI OGGI E DOMANI

Sono due gli appuntamenti che si erano dati i sindacati confederali Cgil, Cisl, Uil per fare il punto sulla sicurezza sul lavoro e la salute dei lavoratori, prima dell’incidente di Milano. Un percorso che è stato infatti avviato da mesi e che ora i sindacati vogliono portare alle conclusioni per chiedere una vera svolta nella politica della sicurezza nei luoghi di lavoro. Si comincerà dunque oggi all’Università Salesiana IUSVE (Via del Salesiani 15 di Mestre, VE), dalle 14 alle 8 con una introduzione della segretaria confederale Uil, Silvana Roseto. Seguirà l’illustrazione dei Lavori del segretario confederale Cisl Angelo Colombini. Dopo i lavori di gruppo, alle 16.30 l’illustrazione dei risultati in Plenaria. Alle 17,30 le conclusioni del segretario confederale della Cgil, Franco Martini.

Domani, venerdì 19 gennaio,  ci si sposterà a Marghera (Padiglione Antares - Parco Scientifico Tecnologico di Venezia VEGA - Via Della Libertà 12), per l’Assemblea Unitaria Salute e Sicurezza sul Lavoro dal titolo “Per una prevenzione efficace, partecipata e diffusa”. L’Assemblea nazionale è il frutto e il coronamento di un lungo percorso di assemblee provinciali e locali che si sono tenute in varie parti d’Italia negli ultimi mesi. Venerdì si comincerà alle 10 per concludere i lavori intorno alle 14. Il programma prevede alle 10 l’introduzione dei lavori a cura della segretaria confederale Uil, Silvana Roseto. Alle 10,15 la Relazione Introduttiva del segretario confederale Cgil Franco Martini. Alle 11 Interventi Programmati. Alle 12 la Presentazione del Rapporto di Ricerca IMPAcT-RLS (INAIL/DIMEILA - POLIMI – UNIPG – FDV – CGIL CISL UIL). Infine alle 13,10 le conclusioni del segretario confederale della Cisl, Angelo Colombini

 

 

1430 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online