Martedì, 05 marzo 2024 - ore 14.41

Caso A2a Lgh. M5s Cremasco:Inchiesta gemella in Brianza inquietante

Comuni si costituiscano parte civile. Noi come cittadini siamo pronti a farlo

| Scritto da Redazione
Caso A2a Lgh. M5s Cremasco:Inchiesta gemella in Brianza inquietante

Caso A2a Lgh. M5s Cremasco: "Inchiesta gemella in Brianza inquietante e con danni milionari. I comuni si costituiscano parte civile. Noi come cittadini siamo pronti a farlo"

La Procura di Monza ha rinviato a giudizio 6 persone tra le quali il Presidente di A2A Valotti Giovanni e il presidente del consiglio di amministrazione di AEB Bracchitta Loredana per la vicenda che ha visto la cessione da parte degli enti comunali proprietari di AEB ad A2A. Tra gli indagati anche il Sindaco in quota PD, l’assessore alle partecipate e il segretario generale del comune di Seregno, capofila con quasi il 55% delle quote di AEB, nonché l’advisor dell’operazione partner di Roland Berger srl.

A tutti viene contestato il fatto che, nonostante le varie pronunce del Tar, del Consiglio di Stato e della Corte di Cassazione circa l’obbligo di una procedura di gara ad evidenza pubblica per la cessione delle quote di AEB ad A2A, gli indagati, a vario titolo, abbiano deliberatamente ignorato tali sentenze e mantenuto in essere una condotta volta a favorire la società A2A nell’acquisizione di AEB. Sono stati stimati presunti 60 milioni di danni all'ente pubblico, quindi ai cittadini. La procura di Monza, nelle sue accuse, delinea un quadro inquietante.

Il pensiero a questo punto corre ad un’altra vicenda molto vicina, simile e antecedente a quella di AEB e che ha interessato il comune di Crema, il Cremasco e Cremonal’acquisizione di LGH sempre da parte di A2A. Anche in questo caso, grazie a nostri esposti e segnalazioni, è stata ripetutamente sancita l’illegittimità dell’acquisizione delle quote di LGH da parte di A2A senza alcuna gara ad evidenza pubblica. Nei consigli comunali di Crema e Cremona avevamo diffidati gli altri consiglieri nel votare un atto di palese svendita dei servizi di pubblica utilità, ma siamo rimasti inascoltati e anche dileggiati. Il tempo è stato galantuomo e ci ha dato ragione. Purtroppo, però, nel nostro territorio, a differenza del caso brianzolo, la vicenda non è mai arrivata in un’aula di tribunale ordinario e non si è mai potuto procedere con una vera indagine.

Purtroppo nessuno dei consiglieri dei consigli comunali che hanno deliberato quella svendita ha effettuato un ricorso, come avvenuto in Brianza, presso un giudice amministrativo prima e ordinario poilasciando così procedere l’iter senza alcuna vera opposizione legale.

Non escludiamo però che la vicenda di Seregno possa avere possibili risvolti anche sulla vicenda di LGH perché ora si apre una nuova fase che vedrà i Comuni soci di AEB inevitabilmente prendere delle posizioni. Infatti, nessun Comune, nemmeno dopo le sentenze del Consiglio di Stato, ha ad oggi revocato le delibere illegittime, in un clima di inerzia pilatesca assolutamente bipartisan. Con il rinvio a giudizio si apre una nuova sfida: la costituzione di parte civile nel processo penale. Pretendiamo che i Comuni soci si costituiscano parte civile per ottenere il giusto risarcimento da parte di A2A. Se al contrario i Comuni non si costituiranno parte civile, provvederemo a costituirci come elettori ai sensi dell’articolo 9 del TUEL. La politica è avvisata: o riportano a casa tutti i soldi dei cittadini, oppure noi andremo fino in fondo.

È nostra intenzione andare avanti e far emergere tutta la verità, su come troppo spesso i servizi pubblici vengono utilizzati dai partiti per speculazioni d’affari e non nell’interesse dei cittadini.

PS: vorremmo sapere se per qualcuno anche le sentenze del consiglio di stato, i pareri Anac e le accuse divulgate dalla Procura della Repubblica sono una "lettura Fantasy"? (cit. del 27 marzo 2017 da parte dell'allora Sindaca Bonaldi)

 

fonte: M5S Cremasco<m5s.cremasco@hotmail.com> 

 

324 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online