Mercoledì, 08 febbraio 2023 - ore 07.47

Cgil-Cisl-Uil :AUMENTI RETTE RSA: EMERGENZA!

Le RSA da qualche settimana hanno dichiarato l’insostenibilità dei costi non solo energetici e lamentato la difficoltà di mantenere il personale in servizio

| Scritto da Redazione
Cgil-Cisl-Uil :AUMENTI RETTE RSA:  EMERGENZA!

Cgil-Cisl-Uil :AUMENTI DELLE RETTE NELLE RSA: ANCHE GLI ANZIANI, LE LORO FAMIGLIE ED I DIPENDENTI SONO IN EMERGENZA!

CGIL CISL UIL di Cremona, insieme alle categorie dei Pensionati, della Funzione Pubblica e della Fisascat Cisl,  esprimono forte preoccupazione per gli interventi annunciati dalle RSA della provincia di Cremona di un incremento significativo delle rette a carico degli ospiti e delle loro famiglie (dai 3 ai 4 euro al giorno!).

 Le RSA hanno infatti da qualche settimana dichiarato l’insostenibilità dei costi non solo energetici e lamentato la difficoltà di mantenere il personale in servizio o reperirne di nuovo a costi contenuti.

Forse non tutti sanno che nella nostra Regione, ormai da anni, il sistema dell’assistenza agli anziani che necessitano di ricovero soffre della mancanza di un governo pubblico dell’offerta, essendo il sistema lombardo pressoché interamente realizzato da strutture private benché quasi la metà dei costi sia coperto dalla tariffa pagata agli Enti gestori dal Fondo Sanitario Regionale per ogni posto letto, mentre un’alta parte del costo, oltre il 50%, è coperta dalla retta a carico dell’anziano e della sua famiglia, posto che Regione Lombardia lascia alle RSA determinarne l’importo in assoluta autonomia.

Desideriamo ricordare, inoltre, che Regione Lombardia è intervenuta più volte nell’ultimo periodo, aumentando le risorse riconosciute alle strutture, come più volte è intervenuto il Governo, sia durante la pandemia sia oggi, per ridurre l’impatto dei costi energetici. Le RSA ritengono però insufficienti le maggiori risorse riconosciute con il Fondo sanitario regionale e si dicono costrette ad aumentare le rette: una posizione che non si può accettare tanto più quando non c’è conoscibilità pubblica della gestione e di come si spendono le risorse del Fondo sanitario.   

Aggiungiamo che i lavoratori del settore hanno le loro retribuzioni ferme da anni per il mancato rinnovo dei contratti di settore e molte RSA hanno mutato il CCNL applicato al personale per ridurne i costi, peggiorando i trattamenti economici e le condizioni di lavoro.

La soluzione quindi non è l’aumento incontrollato delle rette a carico delle famiglie che, come tutti, devono affrontare l’aumento delle bollette energetiche a causa dell’impennata inflazionistica in atto.

Da anni le Organizzazioni Sindacali si battono e hanno fatto proposte per un sistema più equo.

Leggi tutto il comunicato stampa clicca qui

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

742 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online