Venerdì, 01 dicembre 2023 - ore 14.25

Cgil CR Il 17 Novembre Sanità, P.A. scuola, università e trasporti scioperano.

La Legge di bilancio 2024 è iniqua ed ancora una volta contribuisce all'impoverimento della Pubblica Amministrazione e dei servizi pubblici,

| Scritto da Redazione
Cgil CR Il 17 Novembre Sanità, P.A. scuola, università e trasporti scioperano.

Cgil Cremona  Adesso Basta! il 17 Novembre Sanità, Pubblico impiego, scuola, università e trasporti scioperano.

Cremona, 10/11/2023 - Venerdì 17 novembre si configura come una giornata di protesta nazionale, un momento di forte mobilitazione organizzato da CGIL e UIL, che vedrà convergere settori cruciali come il pubblico impiego, la sanità, i trasporti, e l'istruzione. Questa mobilitazione si configura come una risposta decisa alla legge di bilancio 2024, percepita da molti come inadeguata e ingiusta nei confronti di lavoratrici, lavoratori e pensionati. La manifestazione centrale avrà luogo a Milano, con un presidio previsto di fronte al Palazzo di Regione Lombardia alle ore 10:00.

Nel settore della Funzione Pubblica, per voce di Luca Dall'Asta, membro della Segreteria FP CGIL Cremona, sono molte le urgenze. "Si tagliano le pensioni, si tagliano i salari, aumenta il costo della vita e si riducono i servizi alle cittadine ed ai cittadini: dateci quindi una ragione valida per non scioperare!" afferma Dall'Asta. 

La Legge di bilancio 2024 è iniqua ed ancora una volta contribuisce all'impoverimento della Pubblica Amministrazione e dei servizi pubblici, non dando risposte concrete alle lavoratrici ed ai lavoratori, dopo i duri anni della pandemia. Le risorse sono insufficienti per rinnovare dignitosamente i Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro (pubblici e privati) contrastando l'esplosione dell'inflazione.”

Anche sul tema pensionistico il governo ha fatto del proprio peggio: “Sulle pensioni il Governo è riuscito nel miracolo di peggiorare la Legge Monti-Fornero, penalizzando - oltretutto - i dipendenti pubblici”.

Duro Dall’Asta che chiosa “Stanno smantellando lo stato sociale! Insufficienti i fondi alla sanità pubblica, tagli agli enti locali. Adesso Basta!”.

Mohammed Ben Halla, Segretario Generale FILT CGIL Cremona, conferma le molte criticità anche nel settore trasport,: "Il trasporto pubblico locale è in una situazione critica, con una carenza cronica di autisti e un conseguente taglio delle corse," spiega Ben Halla “gli stipendi sono troppo bassi per professioni così usuranti e specifiche”, la categoria del settore trasporti della CGIL chiede, infatti, da anni maggiori investimenti in un settore cruciale per l’economia del Paese “sempre inascoltati, investimenti, sia sul piano di contratti e stipendi, sia su quello delle infrastrutture, perché quello del trasporto pubblico è un servizio fondamentale per cittadini di ogni età il cui diritto alla mobilità deve essere tutelato, inoltre è la transizione ecologica di un Paese passa anche da qui”.

Ma anche di sicurezza sul lavoro parla Ben Halla “I fatti di cronaca li conosciamo tutti, le numerose aggressioni al personale viaggiante sono all’ordine del giorno ma non hanno ancora risposte. Siamo da tempo in attesa di un protocollo nazionale che garantisca la sicurezza, e per questo ci siamo già mobilitati, e lo continueremo a fare”. 

È Alba Caridi, Segretaria Generale FLC CGIL Cremona a spiegare le motivazioni del comparto scuola e università, spiegando che non solo docenti e personale scolastico manifesteranno il 17 novembre.

“Saremo in piazza insieme a studenti e studentesse” puntualizza Caridi “il settore della conoscenza necessita di investimenti che nella legge di bilancio sono insufficienti e inadeguati”.

“Chiediamo che vengano previste risorse adeguate per rinnovi dei contratti che possano rispondere alla perdita del potere d'acquisto con un'inflazione cumulata pari al 18% in tre anni. Così come risorse servono per lo strutturale problema del precariato per gli organici, il tempo scuola e il diritto allo studio.”

Anche quello dell’istruzione è un settore che subisce forti danni dalle privatizzazioni. “La richiesta è di fermare immediatamente il ridimensionamento scolastico e le leggi che portano alla privatizzazione dell'istruzione pubblica, comprese le riforme della filiera tecnica e professionale. Inoltre, includere istruzione e ricerca tra le materie regionalizzabili con l'autonomia differenziata è inaccettabile e genererà solo altre disuguaglianze.”

Caridi chiude con un pensiero al futuro “Scioperiamo perché un paese che taglia sulla conoscenza è un paese che non ha prospettive per il futuro”.

La giornata del 17 novembre, con lo sciopero dei dipendenti pubblici, dei trasporti, dei settori scuola e università e dei servizi essenziali, è il primo appuntamento della mobilitazione di CGIL e UIL che proseguirà, per il nord Italia, con uno sciopero di tutti i settori proclamato per il 24 novembre.

Ufficio Stampa e Comunicazione CGIL Cremona

601 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online