Domenica, 03 marzo 2024 - ore 00.34

Città 30, Corrado (#PD), Salvini contraddice se stesso

Il percorso avviato dal sindaco Lepore,è difeso anche da sindaci di destra che hanno già applicato il principio “città 30”

| Scritto da Redazione
Città 30, Corrado (#PD), Salvini contraddice se stesso

Città 30, Corrado (#PD), Salvini contraddice se stesso e fa propaganda in vista delle elezioni

"La mano sinistra di Salvini non sa cosa fa la destra. Pur di fare propaganda e non fermare i “virili e maschi” rombi dei motori, il ministro Salvini contraddice se stesso. Sia perché addirittura minaccia di mettere mano alle scelte dei sindaci contro ogni principio di “autonomia dei territori”, sia perché questiona sull’applicazione di un decreto a sua firma.

Nel frattempo, nella vita reale, la città di Bologna reagisce senza particolari problematiche ad un provvedimento che è stato costruito e preparato con un lavoro lento e profondo, che ha coinvolto associazioni e società civile, a partire da quelle delle famiglie delle vittime della strada, passando dall’associazione ASAPS (amici della Polizia stradale), fino alle associazioni ambientaliste che aggiungono ai benefici in termini di sicurezza stradale quelli legati alla qualità dell’aria, all’impatto acustico, alla congestione delle strade, in una parola, della qualità della vita.

Il percorso avviato dal sindaco Lepore, difeso anche da sindaci di destra che hanno già applicato il principio “città 30” in comuni di minori dimensioni (come Olbia e Treviso), è un percorso di grande ragionevolezza e pragmatismo. A fronte di pochissimi minuti nel tempo di percorrenza, che, ricordiamolo, è nella stragrande maggioranza dei casi breve o brevissimo (meno di 3 chilometri), il sindaco di Bologna, , con coraggio e competenza decide di guardare avanti, continuando in un percorso virtuoso di trasformazione della città che governa, mentre il governo taglia fondi per le città e non trova soldi per il trasporto pubblico locale. E Lepore lo fa a partire dall'affrontare la piaga delle morti per incidenti stradali, che sono la prima causa di decesso tra i giovani in Italia. Che anche questo diventi oggetto di propaganda e tifoseria, nell’approssimarsi delle elezioni europee, fa davvero cadere le braccia".

Così in una nota Annalisa Corrado, responsabile Conversione ecologica, clima, green economy e Agenda 2030 nella segreteria nazionale del PD.

Roma, 23 gennaio 2024

 

155 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online