Giovedì, 13 agosto 2020 - ore 02.09

Coronavirus, chiusura di palazzetti e impianti sportivi anche nelle nostre Canottieri

Non può essere garantito infatti un presidio medico costante per tutta la durata di qualsiasi attività sportiva.

| Scritto da Redazione
Coronavirus, chiusura di palazzetti e impianti sportivi anche nelle nostre Canottieri

Cremona, 6 marzo 2020 - L’Associazione delle Canottieri, in relazione all’attuale emergenza sanitaria che ha costretto tutte le istituzioni del nostro paese ad adottare provvedimenti di idonea e rigorosa restrizione relativamente all’utilizzo di impianti ed attrezzature sportive (di ogni genere e quindi non solo dei consueti attrezzi da palestra, ma anche di barche, canoe ed altre dotazioni tecniche del mondo dello sport), vuole puntualizzare che in tutte le sue componenti rappresentative (8 associazioni del territorio della provincia cremonese e 1 di quella piacentina) ha condiviso e applicato la TOTALE CHIUSURA di palestre, palazzetti, impianti sportivi al chiuso e all’aperto, al fine di evitare ogni possibile estensione del contagio e dell’epidemia già in corso.

Anche se la normativa emanata potrà consentire il parziale utilizzo di alcuni impianti “ma solo a determinate condizioni”, l’Associazione precisa che le nostre Canottieri non sono in grado di garantire un presidio medico costante per tutta la durata di qualsiasi attività sportiva (dalla mattina alla sera per ogni impianto utilizzato), non dispongono di strumenti di monitoraggio e di verifica dell’affluenza di persone nei singoli ambienti di attività sportiva al chiuso o all’aperto, men che meno riescono a sanificare in tempo reale tutti gli ambienti eventualmente occupati e le attrezzature di ogni tipo utilizzate da atleti e allenatori.

Pur consapevoli dei grandi disagi che ogni iscritto e ogni atleta sta avendo nello svolgimento della propria attività quotidiana, l’Associazione ritiene che nulla può essere più importante della salvaguardia della salute di tutti i suoi associati, evitando ogni ulteriore pericolo ad una situazione già difficile e grave per l’intera comunità italiana.

456 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online