Mercoledì, 28 ottobre 2020 - ore 15.23

Coronavirus: MagicaMusica si fa “smart” per fronteggiare l’emergenza

Dall’inizio di questa settimana, l’associazione castelleonese riprende le attività facendosi “smart”. Lombardi: “È il nostro modo per dire che andrà tutto bene”

| Scritto da Redazione
Coronavirus: MagicaMusica si fa “smart” per fronteggiare l’emergenza

Castelleone, 13 marzo 2020 – Nonostante l’emergenza sanitaria, MagicaMusica non si ferma. L’orchestra composta da ragazzi disabili e non diretta dal Maestro Piero Lombardi, torna a far sentire la propria voce in questo momento di difficoltà. “Non possiamo stare vicini, ma continuiamo a suonare. Lo facciamo avvalendoci della tecnologia e dell’entusiasmo dei musicisti”.

Dall’inizio di questa settimana, infatti, l’associazione ha predisposto attività “smart” per continuare lo studio dei nuovi pezzi e delle coreografie di “Cento Passi”, il musical dedicato al tema della legalità che andrà in scena a Crema e a Pescara nel mese di maggio. “Ho assegnato ad ogni artista il compito di suonare, cantare, danzare e dipingere in casa propria, fissando per la prossima settimana una verifica online delle competenze acquisite”.

Così c’è chi canta la sua canzone preferita, chi suona con stoviglie e coperchi. C’è il coraggio di coltivare una passione nonostante la distanza, l’isolamento e la normalità interrotta. “I ragazzi sono davvero bravi, nonostante le difficoltà si impegnano. La qualità delle performance fino ad ora ricevute è davvero elevata”. Almeno quanto la loro voglia di tornare a divertirsi.   

I video migliori verranno anche pubblicati sulla pagina Facebook con l’hashtag #andràtuttobene. “È il nostro modo per dire che questa situazione passerà e presto potremo tornare ad abbracciarci”. Per ora, però, “È necessario restare in casa. Sarà un’opportunità per riscoprire il valore del tempo, degli affetti e, magari, ascoltare anche della buona musica. Diversa, riadattata, ma fatta sempre con il sorriso”.

Il sorriso di chi resiste e, a distanza, manifesta vicinanza. “Siamo distanti, ma vicini ai nostri cari e a tutto il personale sanitario cui va il nostro più grande ringraziamento. Speriamo nel futuro e lo facciamo in musica”. Quella che unisce sempre. Anche davanti ad un computer.

505 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online