Venerdì, 12 agosto 2022 - ore 23.25

Costi della politica: i numeri dei tagli e quello che avviene in europa

| Scritto da Redazione
Costi della politica: i numeri dei tagli e quello che avviene in europa

Analisi comparativa tra Italia, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito
Italia: i rimborsi elettorali ammontavano a 289,8 milioni nel 2010 (4,53 euro/abitante); sono scesi a 189,2 milioni nel 2011 e 2012 (2,97 euro/abitante); con i tagli già decisi con il decreto-legge 78/2010 e il decreto-legge 98/2011 si scenderà a 165 milioni nel 2013, 153 milioni nel 2014 e 143 milioni dal 2015 (2,32 euro/abitante).

Francia (sussidio e rimborsi elettorali): 160,3 milioni (2,46 euro/abitante). L’ammontare individuato dalla legge finanziaria è ripartito in due frazioni eguali: la prima frazione è destinata ai partiti politici in funzione dei voti ottenuti in occasione delle ultime elezioni per il rinnovo dell’Assemblea nazionale. Requisito per l’accesso al contributo è che il partito abbia presentato candidati in almeno 50 circoscrizioni che abbiano ottenuto almeno l’1% dei voti espressi in tali circoscrizioni; la seconda frazione è destinata ai partiti politici in funzione della loro rappresentanza parlamentare. Nel 2010 l’ammontare di tale contributo è stato di circa 74, 8 milioni di euro.

Germania (rimborsi elettorali e contributi alle fondazioni di partito): 461 milioni (5,64 euro/abitante). Per i soli partiti (escluse quindi le fondazioni politiche), la legge stabilisce un limite assoluto ai contributi annuali federali (absolute Obergrenze): il finanziamento pubblico complessivo non può superare i 133 milioni di euro.

Spagna (finanziamento e rimborsi elettorali): 131 milioni (2,84 euro/abitante). Esistono cinque forme di finanziamento pubblico a partiti politici, federazioni, coalizioni o gruppi di elettori: a) le sovvenzioni pubbliche conferite a titolo di rimborso delle spese elettorali; b) le sovvenzioni statali annuali per le spese generali di funzionamento; c) le sovvenzioni annuali stabilite dalle Comunità autonome per le spese generali di funzionamento nel proprio ambito territoriale; d) le sovvenzioni straordinarie per la realizzazione di campagne di propaganda in occasione dello svolgimento di referendum; e) gli apporti che i partiti politici possono ricevere dai gruppi parlamentari delle Camere, delle Assemblee legislative delle Comunità autonome e dai gruppi di rappresentanza negli organi degli enti locali.

Nel Regno Unito il finanziamento avviene solo per i partiti di opposizione per compensare i vantaggi che la maggioranza trae per essere al governo: 9,4 milioni (0,15 euro/abitante). Grande importanza viene rivestita dal finanziamento indiretto ai partiti politici ovvero l’offerta di servizi e agevolazioni per i candidati alle elezioni politiche.Tra queste la più rilevante (prevista dal Communications Act 2003) è la concessione di spazi televisivi e radiofonici per la propaganda politica sia durante la legislatura (party political broadcasts) sia durante la campagna elettorale (party election broadcasts). Si tratta di un sussidio pubblico indiretto valutabile tra i 3 e i 10 milioni di sterline annue, che si accompagna al divieto di acquistare ulteriori spazi televisivi per fare pubblicità.

fonte PD
Per saperne di più clicca qui
http://www.partitodemocratico.it/doc/234282/costi-alla-politica-i-numeri-dei-tagli.htm?utm_source=googleplus&utm_medium=social&utm_content=pd&utm_campaign=costi-alla-politica-i-numeri-dei-tagli

1463 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria