Giovedì, 13 maggio 2021 - ore 11.01

Covid e vaccini, ecco cosa fare

Risposte semplici e chiare al convegno online di Cancro Primo Aiuto con gli esperti di Medica Etica, di Synlab e dell’Ospedale Niguarda

| Scritto da Redazione
Covid e vaccini, ecco cosa fare

Covid e vaccini, ecco cosa fare

Risposte semplici e chiare al convegno online di Cancro Primo Aiuto con gli esperti di Medica Etica, di Synlab e dell’Ospedale Niguarda

Cos’è e come si sviluppa il coronavirus, come hanno lavorato i laboratori, a che punto siamo con le cure, le differenze tra i vari vaccini. Sono solo alcuni dei temi affrontati dal convegno online “COVID: vaccino o non vaccino, questo è il problema” organizzato da Cancro Primo Aiuto. Moderato da Oscar Epis, presidente del Comitato Scientifico dell’associazione, ha visto i saluti introduttivi di Silvano Casazza, direttore generale ATS Brianza, e di Giovanni Monza, vicepresidente del Comitato Scientifico di Cancro Primo Aiuto, e le relazioni di Antonio Villa (Direttore Sanitario Poliambulatorio Medica Etica), Francesco Scaglione (Direttore SC Analisi chimico cliniche e microbiologia - ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda Milano), Cristina Kullmann (Direttore Laboratorio di Synlab Italia) con Maurizio Ferrari (CMO di Synlab Italia), e Maurizio Orso (Responsabile Centro Vaccinale - ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda Milano).

Fatto il punto sulla malattia, si è parlato soprattutto delle cure, purtroppo poche (steroidi, eparina, ossigeno e plasma) e non risolutive del problema, «anche se si sta lavorando tantissimo su oltre un’ottantina di farmaci per bloccare la riproduzione del virus», ha assicurato Scaglione. E, soprattutto, si è affrontato il tema dei vaccini che tante domande suscitano tra tutta la popolazione: quali sono? Ma non sono stati fatti troppo in fretta? Come vengono somministrati? Quali effetti collaterali determinano? Quanta efficacia hanno e per quanto tempo? Esaurienti le risposte del dottor Orso. Sul mercato oggi ci sono i vaccini di Pfizer, il più diffuso e utilizzato, e quello di Moderna. Ma ne sono in arrivo altri, quello di Astrazeneca, che sta attendendo le ultime autorizzazioni, di Johnson & Johnson e quello italiano che vede coinvolto lo Spallanzani di Roma. «Non sono stati fatti in fretta, non si sono saltate fasi della sperimentazione – ha assicurato il responsabile del Centro Vaccinale del Niguarda – Semplicemente sono vaccini a cui si è arrivati attraverso tecniche nuove, diversi da quelli del passato come ad esempio quelli per varicella o morbillo. Qui conoscevamo già la genetica del virus, elaborata dai cinesi, per cui è stato più semplice individuare la proteina Spike e il modo per impedire che il virus entri nelle cellule e si diffonda». Sulla copertura e sull’efficacia del vaccino, Orso ha sostenuto che, fatte le due dosi previste per Pfizer e Moderna, saremo coperti tra il 90 e il 95%, mentre si hanno dati meno sicuri sulla durata dell’efficacia, ma «si stima nell’ordine di 9-12 mesi». Ha poi rassicurato sugli effetti collaterali di cui si è molto parlato: «Non abbiamo avuto effetti importanti. Solo in alcuni casi un po’ di stanchezza, mal di testa, leggera febbre, raramente vomito e dolori muscolari simili a quelli dovuti a un’influenza». Ha poi ricordato che si deve vaccinare anche chi ha già avuto il Covid, mentre basta la prima dose per chi ha avuto il Covid nei giorni successivi alla somministrazione del primo vaccino perché già sufficientemente coperti.

Quindi? «Si faccia il vaccino – ha concluso Epis – E’ l’unico sistema che abbiamo per proteggerci. E chi l’ha fatto, non si ritenga un “eletto”, ma continui a utilizzare la mascherina e rispetti il distanziamento sociale».

 Cancro Primo Aiuto - Chi siamo

“Siamo solo uomini che aiutano altri uomini”. E’ questo il motto della Onlus Cancro Primo Aiuto, nata nel 1995 in memoria del senatore Walter Fontana. L'Associazione non ha scopo di lucro e propone iniziative nel campo dell’assistenza socio-sanitaria a favore degli ammalati di cancro e dei loro familiari.

Sostenuta da oltre un centinaio di sponsor, tra enti pubblici, associazioni imprenditoriali e soprattutto aziende private, Cancro Primo Aiuto estende la sua azione nell’ambito territoriale della Lombardia, in particolare nelle oltre 50 strutture ospedaliero-sanitarie in cui si è consolidata una collaborazione, distribuite nelle province di Bergamo, Brescia, Como, Lecco, Lodi, Mantova, Milano, Monza e Brianza, Pavia, Sondrio e Varese.

Nel corso del 2019 hanno avuto rapporti con l’associazione quasi 35mila pazienti per un totale di circa 70mila prestazioni. Sono una quarantina i collaboratori sostenuti economicamente dalla Onlus e un centinaio i medici volontari collegati a Cancro Primo Aiuto, sempre a disposizione gratuita per i malati e le loro famiglie.

374 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online