Giovedì, 23 maggio 2024 - ore 09.27

Crema Munari LO SCIOPERO BIANCO HA AVUTO SUCCESSO

SIAMO MAGGIORANZA: PORTEREMO AVANTI LE NOSTRE RAGIONI, MA SIAMO PRONTI A UN VERO PERCORSO CONDIVISO

| Scritto da Redazione
Crema Munari LO SCIOPERO BIANCO HA AVUTO SUCCESSO

Crema Munari LO SCIOPERO BIANCO HA AVUTO SUCCESSO

SIAMO MAGGIORANZA: PORTEREMO AVANTI LE NOSTRE RAGIONI, MA SIAMO PRONTI A UN VERO PERCORSO CONDIVISO

Lo scorso 28 febbraio si è tenuto il primo sciopero bianco di massa in un istituto scolastico di Crema, sicuramente da moltissimi anni a questa parte. Le famiglie, genitori e studenti insieme, hanno aderito numerose alla pacifica forma di protesta avanzata dopo l’approvazione in Consiglio d’Istituto del “Munari” della settimana corta, dimostrando almeno tre fatti:

Di essere la maggioranza: 700 studenti, oltre il 60% del totale, con adesioni all’80% al Liceo Artistico, non hanno partecipato alle lezioni scolastiche, in accordo coi loro genitori, dando corpo alla metafora di una scuola che quando mostra di non pensare a suoi studenti non li merita;

Di avere delle ragioni comprensibili, spiegabili e convincenti. È sufficiente leggere i giornali e ascoltare i servizi televisivi che hanno coperto questa manifestazione, comprese le dichiarazioni di qualificati osservatori esterni;

Di saper aggregare attorno a queste ragioni delle forme di opposizione e contrasto alla frettolosa decisione dell’istituto, un disastro che in tutta sincerità ci chiediamo, mettendoci rispettosamente nei panni della dirigenza scolastica, se valga ancora la pena difendere visto che sembra non avere neppure uno striminzito alleato, uno sparuto sostenitore, qualcuno che alzi la mano e affermi “è una buona soluzione, la adotterò anche io”.

Lo sciopero bianco ha avuto moltissimi aderenti perché non è stata data alternativa ai ragazzi oltre alla pura obbedienza, ma questa pigra obbedienza avrebbe significato diventare la copia perfetta di chi ha disciplinato questa decisione sbagliata, e noi non possiamo essere - e nessuno può pretenderlo - la copia esatta di chi ha concepito questa decisione, perché persino per ubbidire ci vuole un proprio pensiero. Senza riflessione, senza esserne convinti, è negligenza intellettuale: la negazione dello scopo per cui si va a scuola.

Per questa ragione la protesta continua, non smetteremo di cercare ovunque sia possibile e con ogni mezzo adeguato di arrivare a un completo ripensamento dell’orario scolastico del prossimo anno: obiettivo per cui i genitori e gli studenti rappresentanti, è bene ribadirlo, sono a disposizione per un autentico percorso condiviso.

Per la componente genitori del Consiglio di Istituto del Liceo Munari di Crema

 

Domanico Ilaria Giorgia

Ghidoni Elena

Zaniboni Giuseppe

 

Per la componente studenti del Consiglio di Istituto del Liceo Munari di Crema

 

Cerioli Aurora

Dispinzieri Martina

Tedeschi Iside

 

529 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online