Sabato, 13 agosto 2022 - ore 03.07

Crema Tratta Cremona-Crema-Treviglio I Sindaci ed i pendolari pongono le loro condizioni alla Regione

Il documento nei prossimi giorni sarà eventualmente integrato con le ulteriori sollecitazioni venute nella mattinata odierna al fine della più ampia condivisione dei territori, ivi incluso il Trevigliese, stamane presente col sindaco di Treviglio e con il Referente del Comitato Pendolari di Treviglio.

| Scritto da Redazione
Crema Tratta Cremona-Crema-Treviglio I Sindaci ed i pendolari pongono le loro condizioni alla Regione Crema Tratta Cremona-Crema-Treviglio I Sindaci ed i pendolari pongono le loro condizioni alla Regione Crema Tratta Cremona-Crema-Treviglio I Sindaci ed i pendolari pongono le loro condizioni alla Regione Crema Tratta Cremona-Crema-Treviglio I Sindaci ed i pendolari pongono le loro condizioni alla Regione

Questa mattina ( sabato 7 novembre ) si è svolto a Crema  un incontro , indetto dal sindaco di Crema, Stefania Bonaldi con i sindaci dei comuni interessati al passaggio della linea ferroviaria Cremona-Crema-Treviglio ed il comitato pendolari. L’assessore Sorte, naturalmente, era assente.

E’ stato approvato un documento, che sarà inviato a  Rete Ferroviaria Italiana (R.F.I.), gestore della linea;a Trenord, gestore del servizio, nonché alla  Regione Lombardia, Ente competente in materia di T.P.L. che fra l’altro recita: ‘ Dopo innumerevoli proteste, disagi, ritardi, ripetutamente lamentati dalle Amministrazioni dei Comuni della tratta ferroviaria Cremona – Crema – Treviglio e dai Pendolari e dopo il gravissimo episodio verificatosi venerdì 30 ottobre 2015, quando un convoglio bloccato a pochi metri dalla Stazione di Crema ha visto i passeggeri costretti ad uscire anche dai finestrini del treno, i Sindaci del territorio cremasco e dei Comuni siti lungo la linea ferroviaria Treviglio-Crema-Cremona’. I sindaci ed i pendolari pertanto Chiedono  ‘di intervenire con urgenza per garantire un servizio adeguato e decente alle numerose migliaia di cittadini e utenti che quotidianamente utilizzano il treno e oggi, stanti i disagi e ritardi sopra lamentati, sostengono un costo di abbonamenti e biglietti decisamente sproporzionato rispetto al servizio ricevuto’.

‘In particolare- continua il documento-CHIEDONO entro dicembre 2015:a RFI di potere visionare il Piano di manutenzione della linea ferroviaria Cremona – Crema – Treviglio e di valutarne la adeguatezza, a fronte di guasti agli impianti e ai passaggi a livello che si susseguono ogni settimana;a RFI di potere altresì visionare il Piano di emergenza della linea ferroviaria Cremona – Crema – Trevoglio, anche a seguito dell'inaccettabile episodio sopra riportato del 30.10 u.s.;a Trenord e Regione Lombardia di volere introdurre sulla linea almeno due nuovi convogli tipo “Coradia” come da ripetuti impegni dell'Assessore regionale ai trasporti dott. Alessandro Sorte e comunque  di impegnarsi a eliminare, ovvero a ridurre in modo significativo,  i treni Diesel’.

‘Inoltre- prosegue la nota-CHIEDONO a RFI e Regione Lombardia di concordare con i territori interessati e con i Sindaci, un Piano per l'eliminazione graduale dei passaggi a livello lungo la tratta, cosi come fatto a Cremona da Regione Lombardia, attraverso significativi finanziamenti europei; a RFI di realizzare il nuovo Piano Regolatore di Stazione di Crema, la cui attuazione sortirebbe indiscussi effetti positivi circa la fluidità della tratta Cremona – Crema - Treviglio; a RFI e Trenord di introdurre il Treno diretto per Milano entro dicembre 2016, a seguito della fine lavori “Alta Velocità” a Treviglio’.

In allegato l’intero documento.

Hanno preso posizione Matteo Piloni, segretario provinciale del PD, e Danilo Toninelli che alleghiamo

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

1129 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online