Venerdì, 03 luglio 2020 - ore 11.23

Cremona Sospese le attività di gioco presso i tabaccai Lo stabilisce un'ordinanza del Sindaco

Il mancato rispetto di quanto previsto dall'ordinanza, salvo che il fatto non costituisca reato più grave, è punito ai sensi dell'art. 60 del Codice Penale (Inosservanza provvedimenti dell'Autorità).

| Scritto da Redazione
Cremona Sospese le attività di gioco presso i tabaccai  Lo stabilisce un'ordinanza del Sindaco

Cremona Sospese le attività di gioco presso i tabaccai  Lo stabilisce un'ordinanza del Sindaco

Cremona, 19 marzo 2020 – Sospese le attività di gioco presso i tabaccai. Lo stabilisce un'ordinanza firmata oggi dal Sindaco che dispone, con decorrenza immediata e sino al 25 marzo prossimo, che gli esercizi nei cui locali si svolgono attività miste (ad esempio bar, vendita tabacchi, sala giochi), sono autorizzati a svolgere esclusivamente le attività consentite dal D.P.C.M. (Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri) dell'11 marzo. Tali esercizi hanno pertanto l'obbligo di sospendere immeditamente tutte le tipologie di gioco lecito che prevedono vincite in denaro, quali, ad esempio, new slot, gratta e vinci, lotto, ecc.

Il mancato rispetto di quanto previsto dall'ordinanza, salvo che il fatto non costituisca reato più grave, è punito ai sensi dell'art. 60 del Codice Penale (Inosservanza provvedimenti dell'Autorità).

Gli agenti della Polizia Locale e tutte le Forze di Polizia sono incaricati di sovergliare l'applicazione di tale provvedimento.

Come chiarito nell'ordinanza, pubblicata all'Albo Pretorio del Comune, nelle disposizioni del D.P.C.M. dell'11 marzo non è prevista in alcun modo la possiblità di consentire le attività di guioco lecito. Inoltre l'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, con direttiva inviata del 12 marzo e indirizzata a tutti i concessionari del gioco pubblico, alle rivendite di generi di monopolio (tabaccai), chiede il blocco delle slot machines e agli esercenti la disattivazione di monitor e telvisori per impedire la permanenza degli avventori all'interno dei locali per l'attività di gioco.

Sulla base di tali direttive, considerato l’evolversi della situazione epidemiologica, il carattere particolarmente diffusivo dell'epidemia in corso, è stata valutata la necessità di emenare questa ordinanza per contribuire alla più generale misura del diradamento dei contatti sociali in modo da contrastare al meglio la diffusione del virus.

 

 

457 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online