Martedì, 02 giugno 2020 - ore 04.14

Curva epidemica in calo ovunque, anche in Lombardia

Brusaferro (Iss)

| Scritto da Redazione
Curva epidemica in calo ovunque, anche in Lombardia

La curva epidemica prosegue il suo calo con i casi di coronavirus che "sono in decremento in tutte le regioni, anche in Lombardia". Sono le incoraggianti parole del presidente dell'Istituto superiore di sanità (Iss) Silvio Brusaferro secondo cui i dati confermano che le regioni hanno dimostrato capacità d'intervenire.

 

Alla stampa il numero 1 dell’Iss ha chiarito che più il numero di nuovi casi è limitato "più riusciremo a individuarli subito". Comunque guai a pensare che il virus non circoli più, del resto il quotidiano bollettino della Protezione civile parla chiaro. 

Ecco perché - sottolinea Brusaferro - non è assolutamente il momento di allentare "le misure di comportamento individuale" anche perché l’Iss non esclude una risalita dei casi nelle prossime settimane.

Secondo Brusaferro sta crescendo "la quota di asintomatici" ma l'indice Rt di contagio ancora "oscilla molto" sul territorio pur mantenendosi sotto il valore 1 in tutte le regioni, fatta eccezione per la Valle d'Aosta, dove è a 1,06. Indice che, precisa il presidente dell’Iss, in ogni caso: "Non è una pagella, non è un giudizio, ma uno strumento".

Ora tutto sta nella "capacità di intercettare" precocemente "eventuali focolai", questa sarà "la chiave di lettura di questa e delle prossime settimane" sottolinea ancora Brusaferro secondo cui a partire da lunedì prossimo "avremo i dati che ci consentiranno di capire meglio come sta evolvendo la situazione. Oggi i dati ci danno la garanzia che in tutte le regioni c'è capacità di intervenire e se la prossima settimana si avranno curve in qualche situazione in aumento, che è uno scenario possibile, il sistema sarà capace di agire".

141 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

DALLE CAMERE DI COMMERCIO AIUTI ALLE PMI IN DEFICIT DI LIQUIDITÀ

DALLE CAMERE DI COMMERCIO AIUTI ALLE PMI IN DEFICIT DI LIQUIDITÀ

Camere di commercio in aiuto delle imprese in deficit di liquidità a causa dell’emergenza coronavirus. Sono già 34 gli enti camerali che hanno adottato provvedimenti per favorire la liquidità delle piccole imprese: è quanto riporta Unioncamere sottolineando che tra questi provvedimenti ci sono molti interventi che, attraverso il suo bando “tipo”, permettono agli imprenditori in difficoltà di richiedere alla propria Camera contributi a fondo perduto per l’abbattimento dei tassi di interesse dei finanziamenti concessi da banche, società di leasing e altri intermediari.