Martedì, 07 luglio 2020 - ore 14.40

Dote Scuola a Cremona, Rifondazione: ‘Restituiamo il dovuto ai cittadini’

Il Partito della Rifondazione Comunista sarà in questi giorni in diversi plessi scolastici a informare i cittadini, contestualmente all’apertura di due sportelli gratuiti, a Crema e a Cremona

| Scritto da Redazione
Dote Scuola a Cremona, Rifondazione: ‘Restituiamo il dovuto ai cittadini’

Il TAR di Milano, con sentenza n. 1645/2014, ha riconosciuto che lo scorso anno gli studenti della scuola statale che hanno ricevuto la Dote Scuola hanno subito una disparità di trattamento rispetto a quelli delle scuole paritarie. Da qui la possibilità, per tutte le famiglie che ne hanno usufruito per l’anno scolastico 2013/2014, di chiedere alla Regione Lombardia l’integrazione del contributo, per allinearlo a quello percepito dalle famiglie delle scuole private. Le Federazioni Cremasca e Cremonese del Partito della Rifondazione Comunista, per aiutare le famiglie a inoltrare la richiesta, hanno deciso di mettere a disposizione uno sportello gratuito.

Le famiglie interessate possono recarsi a Crema, in Via Cappuccini, 39 (Quartiere dei Sabbioni), presso la sede del Sindacato USB, il lunedì dalle 17:00 alle 19:00 e il venerdì dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 17:00 alle 19:00 (tel. 0373 230442), oppure a Cremona, in Via Cavitelli, 4 (sede di Rifondazione), il mercoledì dalle ore 17:30 alle ore 19:30, entro e non oltre il 31 dicembre 2014. In base alla fascia di reddito di appartenenza si potrà ottenere un rimborso.

Il “buono scuola”, introdotto nel 2000 da Formigoni in Lombardia, ha avvantaggiato chi ha scelto le scuole private, anche se benestante, sottraendo milioni di euro agli studenti delle scuole pubbliche. L’attuale Governatore Maroni ha riconfermato tale politica, ma la lunga battaglia che in questi anni Rifondazione Comunista ha condotto insieme all’Associazione Nonunodimeno e alla FLC CGIL ha finalmente trovato una risposta a questa vistosa ingiustizia. Il ricorso vinto al TAR contro la legge regionale permette ai cittadini di chiedere un legittimo risarcimento e per questo si invitano tutte le famiglie che possiedono i requisiti richiesti a far valere il proprio diritto rivolgendosi agli sportelli.

Per ulteriori informazioni su come presentare la richiesta di integrazione si può visitare i siti www.nonunodimeno.net o www.prccrema.it, o scrivere a nuvolarossa1973@alice.it o a rifondazionecr@fastpiu.it.

Piergiuseppe Bettenzoli (Segretario Partito della Rifondazione Comunista Circolo di Crema)

Serena Andrea (Segretario PRC Federazione Cremasca)

980 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Coronavirus Stati generali Ambiente e Salute  scrivono  al Prefetto di Cremona : ancora troppe aziende aperte

Coronavirus Stati generali Ambiente e Salute scrivono al Prefetto di Cremona : ancora troppe aziende aperte

Nei giorni scorsi abbiamo inviato al Prefetto di Cremona dott. Vito Danilo Gagliardi una lettera per sottolineare l'esigenza di applicare rigorose misure di contenimento del contagio da coronavirus anche alle industrie del nostro territorio provinciale rimaste tuttora aperte con migliaia di lavoratori esposti al rischio sia sui luoghi di lavoro sia negli inevitabili spostamenti.