Mercoledì, 22 gennaio 2020 - ore 09.30

Fiom Roma Landini tuona contro il governo Renzi

Landini a Roma sfida il governo: "Con Confindustria rende merce il lavoro. Noi ci battiamo non per 79mila assunzioni ma per milioni di posti nei prossimi anni".

| Scritto da Redazione
Fiom Roma Landini tuona contro il governo Renzi

Alla manifestazione nazionale della Fiom a Roma era presente tutta la segreteria Cgil e pezzi della sinistra Pd, da Cuperlo e Fassina a Civati. Non doveva essere una manifestazione contro Renzi, lo è diventata subito. E con attacchi a pallettoni: “E’ peggio di Berlusconi”. La manifestazione organizzata da Coalizione sociale e dal segretario della Fiom Maurizio Landini era partita con toni dimessi. Poi un crescendo di uscite contro il governo. “Oggi inizia una nuova primavera: Renzi stia tranquillo che noi abbiamo più consensi del governo”. Sono le prime parole pronunciate da Landini arrivando alla manifestazione partita da piazza della Repubblica a Roma. Nel mirino il Jobs act, ma la manifestazione finisce per travolgere tutta l’attività di governo che mina “diritti, lavoro e democrazia”. Il corteo è stato aperto dagli operai della Fincantieri e si stima che le presenze siano circa 50mila.  Il leader dei metalmeccanici della Cgil insiste nel ribadire l’intenzione di mettere insieme tutti i lavoratori: lo slogan per oggi infatti è “Unions”, “perché noi vogliamo unire – dice Landini – tutto quello che il governo sta dividendo”. Manifestazione politica? “Si, certo”, risponde lui che non risparmia affondi al governo: “Siamo stanchi di spot elettorali, slide e balle”, ha detto Landini. Aggiungendo: “Renzi è peggio di Berlusconi”.

Ascolta l’audio con la dichiarazione di Landini 

Allegati audio:

Audio 1:

1458 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

La telefonata con Laura Valenti (Flc-Cgil Cremona)  A che punto siamo  con il confronto con il Governo sulla Scuola?

La telefonata con Laura Valenti (Flc-Cgil Cremona) A che punto siamo con il confronto con il Governo sulla Scuola?

In questa breve telefonata Laura Valenti, segretaria generale FLC-Cgil Cremona) fa il punto della situazione del confronto con il governo a seguito della revoca dello sciopero del 17 maggio indicando i problemi aperti: No alla regionalizzazione del sistema istruzione, questione dei precari e ulteriori risorse economiche da garantire al personale di ogni ordine e grado