Lunedì, 02 agosto 2021 - ore 08.52

Frontalieri e ristorni,campagna PD contro le due leghe

| Scritto da Redazione
Frontalieri e ristorni,campagna PD contro le due leghe

FRONTALIERI E RISTORNI, CAMPAGNA PD CONTRO LE DUE LEGHE
Manifesti con i volti di Bossi e Bignasca. E gli autonomisti ticinesi si arrabbiano.
È un cortocircuito non da poco quello della Lega Nord sulla questione dei frontalieri. Il feeling con la Lega dei Ticinesi sembra infatti rimanere intatto anche nel momento in cui quel partito, da posizioni di governo, decide il taglio della quota di tasse pagate in Svizzera dai lavoratori italiani che, in virtù di accordi internazionali, viene restituita ai comuni posti sul confine. L'interesse dei lavoratori e dei cittadini italiani declina di fronte all'asse politico tra le Leghe. Bene, è giusto che qualcuno glielo faccia notare. E così il PD ha deciso di tappezzare i comuni frontalieri delle province di Como e Varese con manifesti che ritraggono i volti di Umberto Bossi e del suo omologo della Lega dei Ticinesi Giuliano Bignasca accompagnati dalla scritta "Frontalieri, attenti a quei due: ci vogliono più poveri!".
"La vicenda è complicata - spiega Luca Gaffuri -. Sul piano politico ci sono delle responsabilità imputabili alle Lega Nord che ha lisciato troppo il pelo alla Lega dei ticinesi, nonostante questa abbia a lungo attaccato i nostri frontalieri. La nostra campagna vuole far comprendere di chi sono le responsabilità. Su un altro piano, i comuni di frontiera si stanno mobilitando e stanno nascendo una serie di iniziative come quelle che si sono realizzate nei giorni scorsi a Malnate e a Porlezza. Ora come non mai è cruciale adottare una posizione condivisa e comune e avere tutti in squadra. Il 25 luglio prossimo sarà convocata a Varese un'assemblea a cui saranno invitati non solo tutti gli amministratori dei comuni interessati, ma anche i parlamentari e i consiglieri regionali con lo scopo di elaborare un documento condiviso. Parlamentari e consiglieri del Partito democratico, dal canto loro, incontreranno i partiti ticinesi per contestualizzare meglio il problema. Siamo alla vigilia del federalismo fiscale: se non si trova una soluzione i comuni di frontiera rischiano di non chiudere i prossimi bilanci".
E come ha reagito la Lega dei Ticinesi? Attaccando con i propri organi di informazione www.mattinonline.ch e "Il Mattino della domenica". Il contenuto? "Sia chiaro che l'ITALIA È FALLITA - si legge - ma non di sicuro per colpa delle Leghe! SIETE FALLITI per colpa del Ministro dell'Economia Giulio Tremonti!!!". Che la Lega sia stata al governo dal 2001 ad oggi con l'interruzione di due soli anni non sembra sconvolgerli. Un dubbio, però, deve essergli venuto, visto che da poche ore sul sito d'informazione c'è la notizia di un prossimo incontro informale tra Tremonti, Bossi, Bignasca e il ministro ticinese Norman Gobbi.

fonte:http://www.pdregionelombardia.it/novita7ggdettaglio.asp?ID=3728

 

1426 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

BRUXELLES\ aise\ L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER LA PREVENZIONE E LA CURA DEL CANCRO: 35 MILIONI DI EURO DALL’UE

BRUXELLES\ aise\ L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE PER LA PREVENZIONE E LA CURA DEL CANCRO: 35 MILIONI DI EURO DALL’UE

La Commissione europea ha aperto oggi, 9 luglio, un invito a presentare proposte, con uno stanziamento di 35 milioni di euro, a favore dello sviluppo dell’analisi delle immagini medicali per la diagnosi del cancro, basata sull’intelligenza artificiale, e di altri strumenti e tecniche di analisi per la prevenzione, la previsione e la cura delle forme più comuni di cancro.